f Bagheria. Il Ministero scrive al Comune: “l’Irpef competenza del consiglio” | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria 1.8.9.0 BETA

Bagheria. Il Ministero scrive al Comune:
“l’Irpef competenza del consiglio”

mercoledì 22 gennaio 2014, 12:33   Politica  

Letture: 1.183

comune nuovissimadi Martino Grasso

Risale al 20 dicembre del 2013, una nota del Ministero dell’economia e delle finanze indirizzata al comune di Bagheria, in merito all’addizionale Irpef per l’anno 2013. La nota è a firma del direttore del dipartimento, Paolo Puglisi, che fa rilevare che la giunta comune abbia aumentato l’addizionale Irpef dallo 0,3 % all’0,8 %, senza averne le competenze necessarie. Nella nota si sottolinea che le competenze per aumentare le aliquote sono infatti del consiglio comunale.
Il dirigente invita quindi il Comune a “modificare ai sensi dell’articolo 21 nomies, della Legge 7 agosto 1990,n.241, entro quindici giorni dal ricevimento della presente nota, la delibera di Giunta comunale n. 182 del 27 novembre 2013 che ha modificato la misura dell’aliquota dell’addizionale comunale Irpef da applicare per l’anno 2013.”
La nota sottolinea che se ciò non avrà, il provvedimento può essere impugnato.
La vicenda è stata sollevata dal gruppo consiliare “L’Aquilone”.
Anche il movimento 5 stelle di Bagheria interviene con una nota secondo la quale “ancora una volta l’amministrazione comunale provoca danni alla collettività a causa di una reiterata incompetenza nella gestione della cosa pubblica.
Il risultato finale è un furto nelle tasche dei bagheresi. Chi pagherà per questo?
Siamo di fronte ad un mancato rispetto delle norme che provoca dei danni consistenti alla già precaria condizione economica dei contribuenti. Nel frattempo, poiché ormai siamo pervasi da dubbi atroci sul grado di preparazione dei politici che ci governano e dei soggetti preposti ad emanare gli atti, oltre ad invitare la Giunta alla revoca immediata della delibera”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.