f Bagheria. Attraversamenti corso Umberto. Lo Meo: “è solo un’idea” | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria 1.8.9.0 BETA

Bagheria. Attraversamenti corso Umberto.
Lo Meo: “è solo un’idea”

lunedì 10 febbraio 2014, 10:06   Attualità  

Letture: 1.036

corso umberto 1di Martino Grasso

L’allarme è stato lanciato dai commercianti di corso Umberto dopo avere visto la collocazione dei pali segnaletici.
Poi il sito Bagheriainfo ha diffuso la notizia e così è montata la protesta anche di alcune associazioni, su un’imminente disposizione comunale per attraversare il corso Umberto, su due punti:  da via Di Pasquale a piazza IV novembre e da via Aiello a via Vittorio Veneto.
Qualcuno l’ha data per certa ma di certo non c’è assolutamente niente.
Il sindaco Vincenzo Lo Meo, infatti, da noi interpellato dice: “ancora non c’è niente di ufficiale. Non c’è nessuna ordinanza. Era solo un’idea sulla quale stiamo riflettendo”.
Il sito Bagheriainfo aggiunge che  il provvedimento, non ancora operativo, prevederebbe l’attraversamento  soltanto dalle ore 9 alle 13 dal lunedi’ al venerdi’, tranne festivi e prefestivi, e dovrebbe essere attivata soltanto per tre mesi in forma “sperimentale”.
La nuova decisione, che ricordiamo non è ancora operativa, scontenta tutti.
Il consorzio Umbertogallery, con un comunicato stampa a firma del presidente Carmelo Di Salvo, sottolinea:” ai commercianti non occorrono provvedimenti tampone ma interventi radicali che affrontano il problema alla radice.
E’, altresì, grave che il Sindaco continui a prendere delle decisioni che riguardano tutti i commercianti e la cittadinanza, dimenticando di coinvolgere i due presidenti dei centri commerci naturali, Confcommercio e le associazioni di categoria.
Pertanto, chiedo al Sindaco di rivedere la sua decisione ed attivare sin da subito un tavolo sulla mobilità nel centro storico, che a cominciare dal Piano del Traffico, possa fornire valide soluzioni a un problema che va affrontato in maniera organica e per step successivi, e non certo con l’approssimazione tipica di quest’Amministrazione.”

Anche il partito democratico affida ad un comunicato stampa le critiche: il sindaco –dice il segretario Orazio Amenta– non firmi l’ordinanza che consentirebbe l’attraversamento del Corso Umberto. Riteniamo grave che Lo Meo continui ad affrontare il tema nevralgico della mobilità sul Corso Umberto con provvedimenti contraddittori e non concertati con la città, di certo non risolutivi, probabilmente dannosi. Crediamo, oggi più che mai, che i problemi della crisi delle attività produttive nel Corso Umberto e della vivibilità dei residenti del centro storico vadano trattati in modo organico, con una strategia complessiva di sviluppo urbano che rilanci l’intuizione del Programma Urban Italia, a partire dall’approvazione del Piano Urbano del Traffico, di cui abbiamo più notizie, e dalla messa in atto di tutta una serie di interventi più volte annunciati e mai realizzati, a cominciare dalla realizzazione dei parcheggi e del sistema di videosorveglianza, dalla messa in funzione dei pulmini elettrici, dalla raccolta differenziata porta a porta, da un sistema di incentivi anche fiscali per imprese e residenti (come previsto ad esempio dalla Zfu).
Il Sindaco abbia la chiarezza di fronte alla città di dire se, come e quando tutto questo verrà realizzato e sospenda immediatamente l’emanazione dell’ordinanza di attraversamento del corso.”

Per Legambiente: “Ancora una scelta controcorrente del sindaco e la sua giunta. In una realtà tanto degradata e disattenta a tutte le buone norme di gestione del territorio, riaprire il corso, alla mobilità veicolare ci pare la scelta più scellerata e anti ecologica che si possa perpetrare ai danni di una Bagheria che da tempo ormai vede questa amministrazione disattendere tutte quelle pratiche necessarie ed opportune di valorizzazione dello spazio urbano per una fruibilità sostenibile da parte dell intera cittadinanza del nucleo centrale di mobilità cittadina.”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.