f Bagheria. Catena umana per padre Filippo Custode, dopo l’intimidazione | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria 1.8.9.0 BETA

Bagheria. Catena umana per padre Filippo Custode, dopo l’intimidazione

lunedì 24 febbraio 2014, 09:12   Attualità  

Letture: 2.334

Catena preghiera padre custodedi Pino Grasso
Una catena umana per don Filippo Custode in preghiera.
Oltre 500 cittadini, provenienti da ogni parte della città, si sono radunati sabato sera, sul sagrato della chiesa del Santo Sepolcro per testimoniare la loro solidarietà nei confronti del giovane parroco trentatreenne, don Filippo Custode che nei giorni scorsi ha subito un grave atto intimidatorio. Tra di loro molti altri sacerdoti e collaboratori che si sono stretti attorno al presbitero per fare sentire tutto il loro affetto. I fedeli e tra essi tante famiglie, giovani, anziani e bambini, sfidando anche la pioggerellina, hanno raccolto l’invito del Consiglio pastorale parrocchiale che aveva dato appuntamento alle 19 e si sono radunati per fornire la loro testimonianza. Gli intervenuti hanno formato una catena umana per partecipare ad un semplice momento di preghiera e alla fine si sono scambiati un segno di pace come a inviare a tutta la cittadinanza un messaggio di pace e di accoglienza.padre Filippo“Abbiamo voluto testimoniare il nostro affetto al parroco – afferma una mamma e nel contempo ringraziarlo per quanto sta facendo a favore della comunità”.
Gli fa eco un giovane: “Padre Filippo deve andare avanti, sapendo che noi saremo sempre al suo fianco”.
Il parroco intanto in questi giorni ha incassato tantissimi attestati di solidarietà, anche da parte di personalità eccellenti del Clero siciliano. Don Custode che è uno specialista di liturgia è infatti da diversi anni il curatore del calendario liturgico delle Chiese siciliane e pertanto è molto conosciuto.
Intanto le manifestazioni di solidarietà continueranno giovedì alle 21 con una tavola rotonda sul tema “La legalità a Bagheria?”, mentre venerdì alle 21 ci sarà una fiaccolata delle comunità ecclesiali bagheresi in segno di riparazione per la profanazione del cimitero. Se in un luogo della città c’erano molte persone a testimoniare la loro solidarietà e il loro convinto “no” all’illegalità e alla violenza come senso civico e cristiano.
 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.