f Credito d’Imposta e opportunità per le PMI | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria 1.8.9.0 BETA

Credito d’Imposta e
opportunità per le PMI

martedì 18 febbraio 2014, 18:15   L'Opinione  

Letture: 1.104

stefano fricanodi Stefano Fricano *

Oggi le Piccole e Medie Imprese di successo, che in Italia e nel resto del mondo continuano a crescere, sono quelle imprese che stanno creando una cultura dell’innovazione, investendo in modo significativo per evolvere il proprio business, al fine di migliorare i processi e incrementare flessibilità e velocità nel rispondere alle opportunità del mercato.  Per far fronte a queste sfide e rimanere competitive sul mercato, le piccole e medie imprese si stanno trasformando radicalmente: il 59% delle PMI italiane ha completato, o è in procinto di completare, un processo rilevante di trasformazione del proprio business. Tuttavia in questa difficile congiuntura economico-finanziaria, caratterizzata da una drammatica crisi produttiva e occupazionale, non sempre le imprese sono riuscite ad effettuare gli investimenti previsti entro i termini fissati per la difficoltà delle stesse di portare avanti investimenti. In questo contesto si inserisce la nuova finestra per le imprese siciliane di accedere al credito d’imposta.
Ripartirà infatti il 18 febbraio prossimo l’opportunità per le imprese siciliane, che vorranno accedere al credito d’imposta, di poter presentare le domande attraverso una piattaforma telematica.
Il decreto che apre i termini per la presentazione delle istanze, firmato dall’assessore all’Economia Luca Bianchi, è stato pubblicato sul sito della Regione; in dote ci sono 8 milioni e 300 mila euro destinati alle aziende pronte ad investire per il riammodernamento di strutture e impianti.
L’agevolazione si concretizza in un determinato importo, concesso dalla Regione, utilizzabile per il pagamento dei tributi. Non si tratta quindi di un contributo erogato materialmente all’imprenditore, ma di una somma utilizzabile in sede di compensazione per il pagamento di qualsiasi tributo (relativo l’attività d’impresa). La Regione ha recuperato le risorse residue stanziate per il 2013, grazie alle quali è stato possibile determinare anche per il 2014 i termini di presentazione di nuove istanze di accesso al credito di imposta. Le somme a disposizione, sono pari a 8.302.150 euro; per il 2013 le somme disponibili erano pari a 30 milioni e le istanze presentate ammontavano invece a 21.697.850.
Le imprese beneficiarie possono essere quelle appartenenti ai seguenti settori:
attività estrattive; manifatturiero, turismo, IT agroalimentate concernente la trasformazione di prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacultura.
Il bando prevede tre diverse tipologie di intervento:
–  Il 50 per cento dei fondi è destinato alle imprese manufatturiere.
–  Una seconda quota del 20 per cento, pari a un milione e 660 mila euro, è riservata invece alle imprese ubicate in zone agricole svantaggiate.
–  La parte restante dei fondi è invece destinata a tutte le altre imprese inserite in graduatoria.
Gli investimenti non potranno essere inferiori a limiti determinati, gli importi minimi sono diversi a seconda della grandezza dell’azienda:
–  per le microimprese (meno di 10 dipendenti e meno di 2 milioni di fatturato) il costo dell’investimento non può essere inferiore a € 50.000;
–  per le piccole e medie imprese (meno di 250 dipendenti e 5 milioni di fatturato) l’investimento non puo’ essere inferiore a € 150.000;
–  per le imprese del settore turistico non può essere inferiore a € 100.000,00.
Gli interventi che agevolabili sono: attrezzatura varia e minuta; impianti e macchinari specifici; impianti e macchinari generici; costruzioni leggere, tettoie e baracche; beni immobili (fino al 25% del totale del progetto di investimento).
Le domande potranno essere presentate dalle 10:00 del 18 febbraio alle 24:00 del 22 febbraio; la trasmissione telematica dei dati contenuti nelle istanze dovrà essere effettuata, utilizzando il prodotto di gestione denominato “CREDITOIMPOSTASICILIA” messo a punto, grazie ad una convenzione con l’Agenzia delle Entrate, sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.it).

*Dottore in Fisica. Esperto nella gestione dell’Innovazione. PhD student in Economia
http://www.linkedin.com/pub/stefano-fricano/23/887/90a

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.