f Malato di Sla, da due mesi vive a Bagheria, ottenendo notevoli miglioramenti | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria 1.8.9.0 BETA

Malato di Sla, da due mesi vive a Bagheria, ottenendo notevoli miglioramenti

domenica 2 febbraio 2014, 11:25   Attualità  

Letture: 3.146

mario sladi Martino Grasso

Da due mesi vive a Bagheria e il nostro clima mite e lo iodio sprigionato dal mare stanno facendo un autentico miracolo.
Mario De Carli, 74 anni, è una persona malata di Sla, una terribile malattia degenerativa. La stessa per la quale ha combattuto fino alla fine l’ex calciatore Stefano Borgonovo.
Mario, ex metalmeccanico, residente a Pordenone, fino a 2 anni fa viveva una vita normale. Poi, il 25 giugno del 2012, la terribile sentenza: Sla. La malattia è stata particolarmente aggressiva. In poco tempo ha subìto un autentico crollo fisico e psichico.
Le malattie polmonari non gli davano tregua.
A questo punto la moglie Concetta, una signora con una forza e un coraggio da fare invidia a chiunque,  ha pensato che doveva fare qualcosa e non assistere inerme alla fine del marito.
La scorsa estate erano stati a Lignano e l’aria di mare faceva bene al marito.
Ha capito che un clima più mite e meno freddo del Friuli avrebbe potuto aiutare Mario e così contro il parere di molti che le sconsigliavano questo viaggio con un malato di Sla, ha deciso di trasferirsi in Sicilia, destinazione: Bagheria.
La signora Concetta e il marito, sono ospiti della casa vacanze Anni 20 in via Mattarella.
Periodicamente il signor Mario riceve le cure di un fisioterapista, messo a disposizione, gratuitamente, dall’Asl di Bagheria.
Poi, quando il tempo lo consente, spinge la carrozzina con il marito fino a villa San Cataldo o ad Aspra.
E’ l’aria mite che si respira fra i limoneti del settecentesco giardino che sta provocando notevoli miglioramenti al marito.
“Sapevo che il clima del Mediterraneo poteva aiutare Mario -dice la signora- ed è quello che sta avvenendo. A Pordenone dal mese di ottobre del 2012 al maggio del 2013 è stato ricoverato 6 volte per bronchite. La sua vita la trascorreva in un letto. Adesso sta seduto sulla carrozzina e soprattutto non ha avuto nessuna malattia polmonare. E quando siamo qui a Villa San Cataldo toglie anche il ventilatore e respira autonomamente. Mario ha cambiato espressione del viso e spesso ride.”
La signora Concetta tiene a sottolineare l’enorme risparmio che la permanenza in Sicilia sta producendo, visto che il marito non deve essere ricoverato in nessuna struttura ospedaliera.
La signora è rimasta anche favorevolmente colpita dall’affetto e la disponibilità dei siciliani.
“Davvero incredibile -dice-. A Natale sono venuti a trovarmi due ragazzi del bar sotto casa e ci hanno addobbato un alberello di Natale. Davvero commovente”.
La signora Concetta e il marito rimarranno a Bagheria fino al prossimo mese di Aprile, poi torneranno a Pordenone quando il clima sarà meno rigido.
Difficilmente dimenticheranno la Sicilia e Bagheria.
Il nostro clima ma anche l’affetto degli abitanti, hanno fatto breccia sui cuori di due persone del Nord.
Il signor Mario non potrà purtroppo guarire ma ha migliorato notevolmente la qualità della sua vita grazie alla nostra terra.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.