f Sedici persone rinviate a giudizio per truffa ed estorsione al Coinres | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria 1.8.9.0 BETA

Sedici persone rinviate a giudizio per truffa ed estorsione al Coinres

venerdì 14 febbraio 2014, 12:09   Cronaca  

Letture: 2.935

coinre camionSono stati rinviati a giudizio 16 persone nell’ambito dell’inchiesta sulle truffe e estorsioni al Coinres.
Il processo si celebrerà il 21 maggio davanti alla seconda sezione del tribunale di Palermo.
L’unico che ha chiesto il rito abbreviato è Antonino Di Bella che venne arrestato lo scorso anno insieme a  Diego Lo Paro (nella foto sotto).
Davanti al giudice si dovranno presentare  anche Antonino Adamo, Pasqualino Barone, Antonino Caputo, Antonino Di Bella, Onofrio Galioto, Carmelo Guida, Antonino Nocera, Giovan Battista Sardina, Giuseppe Urso, Giovanni Schimmenti, Domenica Pedone, Filippo Lombardo, Giacinto Tutino e Pasquale Di Salvo. L’accusa è truffa e falso.
Il rinvio a giudizio è stato disposto dal Gup Daniela Cardamone, che ha accolto le richieste del Pm Francesca Mazzocco e Marzia Sabella.
Gioacchino Di Bella e Diego Lo Paro-2Il Coinres si è costituito parte civile, così come alcune associazioni antiracket, tra cui il centro Pio La Torre.L’inchiesta è stata condotta dai carabinieri di Bagheria che portò all’arresto di Di Bella e Lo Paro, sorvegliante e responsabile amministrativo del Coinres.
Secondo i carabinieri venivano compiuti degli illeciti, fra cui quello di assenteismo.
I fogli di presenza, secondo l’accusa, sarebbero stati falsificati, con le firme appooste dai colleghi degli assenteisti.
I carabinieri avrebbero anche effettuati dei filmati e dei pedinamenti.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.