f Bagheria. 9 ragazzi della “casa dei giovani” gestiranno un’area a Monte Catalfano | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria 1.8.9.0 BETA

Bagheria. 9 ragazzi della “casa dei giovani” gestiranno un’area a Monte Catalfano

venerdì 28 marzo 2014, 09:47   Attualità  

Letture: 2.661

monte catalfanodi Pino Grasso

Nove giovani destinatari del “Progetto Ritrovarsi” che al termine del percorso formativo hanno costituito una cooperativa sociale, lavoreranno sull’area verde di contrada Vignazza.
La “Casa dei Giovani” garantirà, come da progetto finanziato, l’erogazione del sostegno al reddito sino a chiusura del progetto stesso in un bene confiscato alla mafia di proprietà del Comune assegnato temporaneamente alla Comunità per il recupero dei tossicodipendenti della “Casa dei giovani”, fondata e diretta da padre Salvatore Lo Bue servirà a favorire l’inserimento nel mondo lavorativo a un gruppo di disoccupati.
L’affidamento è stato effettuato dal Comune, su proposta dell’assessore Massimo Mineo.
Si tratta dell’area attrezzata portella “Vignazza”, un’area di 246.94.72 ettari circa, dove sono presenti specie arboree di conifere, tra i due e i trent’anni, con prevalenza di pino d’Aleppo, pino domestico, cipresso dell’Arizona e latifoglie (leccio, olivo, olivastro, carrubo) e da macchia mediterranea.
“Lo scopo del progetto – dichiara padre Salvatore Lo Bue – è quello a di favorire l’inserimento nel mondo lavorativo attraverso percorsi esperienziali che promuovano le professionalità acquisite nella fase di formazione teorico pratica e la capacità di proporre progetti che abbiano, da un lato la finalità di esprimere buone prassi dell’utilizzo del patrimonio pubblico e dall’altro di presentare programmi di gestione che si autofinanziano”.
Sul luogo gli operatori della “Casa dei giovani” che da oltre un trentennio ha avuto finanziato un progetto dal Dipartimento regionale delle famiglia e delle politiche sociali, concernente la realizzazione di piani volti all’inclusione socio lavorativa di soggetti in condizione di disagio ed esclusione sociale ed in particolare di soggetti ex tossicodipendenti porteranno avanti azioni volte all’erogazione del sostegno al reddito.
Ciò sarà possibile perché nella fase finale del progetto é stata creata la cooperativa “Ritrovarsi” tra i giovani partecipanti al progetto. Tra l’altro la realizzazione del progetto permetterà di mantenere aperta al pubblico l’area attrezzata posta all’ingresso principale del Parco di monte Catalfano e permettere la fruizione ai cittadini.
“Conseguentemente l’aerea sarà mantenuta pulita, accogliente, funzionante – aggiunge l’assessore Massimo Mineo – e pertanto sarà utilizzabile da parte del pubblico per usi sportivi, per le scampagnate, per picnic, svago e diletto”. La struttura sarà aperta alla cittadinanza tutti i giorni dalle ore 8 e fino al tramonto.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.