f Palermo. Ucciso Giuseppe Di Giacomo. Era stato arrestato nell'operazione Perseo | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. Ucciso Giuseppe Di Giacomo.
Era stato arrestato nell’operazione Perseo

mercoledì 12 marzo 2014, 18:57   Cronaca  

Letture: 3.222

giuseppe di giacomoUn uomo di 47 anni, Giuseppe Di Giacomo, è stato ucciso a Palermo, in via Eugenio l’Emiro, alla Zisa, con colpi di pistola.
La polizia è sul luogo del delitto. Secondo una prima ricostruzione degli agenti l’uomo si trovava dentro la sua auto, una Smart, quando è stato sorpreso dal killer che lo ha freddato sotto casa con dei colpi di pistola.
Di Giacomo aveva dei precedenti penale anche per mafia.
Era stato arrestato il 16 dicembre 2008, nell’operazione Perseo, in cui vennero arrestate anche alcune persone ritenute vicine alla cosca di Bagheria.
Di Giacomo, era stato assolto nel gennaio 2011.
In seguito all’operazione vennero catturati 99 mafiosi appartenenti ai vertici di Cosa Nostra palermitana che, unitamente a decine di gregari, tentavano di ricostituire la Commissione provinciale palermitana, così attuando il progetto – sostenuto dal boss latitante Matteo Messina Denaro – di riportare in vita la Cupola mafiosa di Cosa Nostra. Il capo sarebbe stato Benedetto Capizzi, capo del Mandamento di Villagrazia-Santa Maria del Gesù.L’operazione Perseo fu il risultato di oltre nove mesi di indagini del Reparto Operativo dei Carabinieri di Palermo le quali hanno documentato il progressivo realizzarsi di un piano – ideato dai massimi vertici di Cosa Nostra siciliana agli inizi del 2008 – teso al ripristino, a distanza di circa 15 anni dall’arresto di Salvatore Riina, del tradizionale modello organizzativo che vedeva appunto la cosiddetta Commissione quale unico organo deputato ad assumere le più gravi ed importanti decisioni. L’operazione ha, inoltre, fornito la mappa degli attuali organigrammi di Cosa Nostra nell’intera provincia palermitana, permettendo in tal modo di annientarne la direzione strategica. Il processo si concluse con condanne superiori ai due secoli di carcere. (gds.it)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.