f Bagheria. Pronta la relazione per la dichiarazione del dissesto finanziario | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Pronta la relazione per la dichiarazione del dissesto finanziario

lunedì 28 aprile 2014, 09:36   Attualità  

Letture: 2.380

La Iacona nuovadi Pino Grasso
Il Comune si avvia a dichiarare il dissesto finanziario. La relazione predisposta dal responsabile del settore Economico Finanziario è stata portata al vaglio del commissario straordinario del Comune Michela La Iacona (nella foto) per l’approvazione che insieme al suo al suo vice Saverio Mallemi, responsabile del Servizi finanziari della Prefettura, dovrà valutare i provvedimenti da assumere. 
Il decreto commissariale sarà inviato al Ministero dell’Interno, alla Conte conti e all’Assessorato regionale agli Enti locali.
La richiesta di dissesto, ormai inevitabile era stata richiesta all’amministrazione comunale da Carlo Turriciano, uno dei commissari (l’altro è Angelo Sajeva), inviati dall’Assessorato regionale agli Enti locali, insediatosi lo scorso mese di novembre 2013 per procedere ad una verifica dei conti del Comune.
La relazione sul dissesto ha ottenuto anche il parere favorevole del Collegio dei revisori dei Conti. “Abbiamo consegnato il nostro parere lo scorso 17 aprile -afferma il presidente del Collegio Leonardo Passarello– nel momento in cui il commissario dichiarerà il dissesto, questo sarà irrevocabile per i prossimi 5 anni, entro cui occorrerà eliminare il passivo pregresso”.
Ma sarebbe stato lo stesso se fosse passato il piano di rientro proposto dall’amministrazione che in ogni caso non era stato ritenuto idoneo dal Collegio dei revisori dei conti. Secondo la relazione presentata già in occasione del bilancio previsione 2011, i revisori rilevarono un disavanzo di 50 milioni di euro, di cui 26 milioni nei confronti del Consorzio Coinres e altri 24 milioni per debiti pregressi. Per rientrare dal passivo pertanto, l’amministrazione comunale dovrà aumentano tutte le tasse (Tares, addizionale Irpef, Imu), compresi i servizi a domanda individuale nella parte che interessa la copertura totale del servizio, ridurre gli affitti al fine di rientrare dalla spesa corrente. Inoltre il Comune dovrà mettere in atto una serie di provvedimenti volti alla riorganizzazione dei servizi, verificare se c’è eccedenza di personale e in questo caso provvedere alla mobilità. Per quanto riguarda poi, i debiti, si può proporre una transazione con i creditori e prevedere anche la vendita di cespiti non utilizzati.

Intanto il Movimento 5 Stelle ha sollecitato il Commissario La Iacona a provvedere senza indugio ad adottare il provvedimento.
“Il Commissario Turriciano -si legge in una nota-, aveva inviato una nota alla segretaria comunale Mimma Ficano e al vicesindaco Massimo Mineo in cui si raccomandava di predisporre entro il 12 aprile il procedimento per la dichiarazione di dissesto finanziario, ma nessun atto risulta essere stato prodotto in tal senso dal Commissario La Iacona. Il M5S comprende come la dichiarazione di dissesto in questo momento sia per la città devastante, ma chi è preposto a sostituire organi sfiduciati non può permettersi tali omissioni perché di omissioni si tratta”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.