f Casteldaccia. Arrestate altre 3 persone per la rapina alla Amadori | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Casteldaccia. Arrestate altre 3 persone per la rapina alla Amadori

martedì 27 maggio 2014, 19:56   Cronaca  

Letture: 2.965

foto arrestati casteldacciaI carabinieri hanno arrestato Giuseppe Nicolaci, 31 anni, Giovanni Micalizzi 25 anni e Giovanni Puma 58 anni per una rapina messa a segno a Casteldaccia. I tre sarebbero i componenti di un gruppo di rapinatori che armati di pistola avrebbero compiuto l’assalto alla ditta Gesto del Gruppo Amadori in via Pietro Nenni nell’ottobre del 2013. Il colpo aveva fruttato 50 mila euro. Altri due rapinatori erano stati arrestati lo scorso 3 marzo.
Le indagini, svolte dai militari dell’Arma sotto la direzione della la Procura di Termini Imerese erano iniziate immediatamente dopo il colpo, in cui tre malviventi, armati di pistola, avevano fatto irruzione all’interno degli uffici e, dopo aver immobilizzato con del nastro adesivo il personale presente, avevano sottratto dalla cassaforte circa 50.000 euro, equamente divisi tra contanti ed assegni.
Il provvedimento notificato oggi segue una precedente ordinanza, già notificata dai carabinieri il 3 marzo scorso nei confronti di Roberto Rugnetta,  uno dei rapinatori, e di Francesco Paolo Coppolino, l’ex dipendente licenziato che avrebbe organizzato la maxi rapina nella sua ex ditta per vendetta.
Le successive risultanze investigative, avvalorate dalle intercettazioni telefoniche e dal sequestro, nel corso di alcune perquisizioni domiciliari, dei capi di vestiario utilizzati nel corso della rapina, hanno infatti consentito di appurare la partecipazione diretta di Nicolaci e Pumo, alla rapina allo stabilimento e l’utilizzo dell’auto messa a disposizione da Micalizzi, dell’autovettura utilizzata per la rapina, in cambio della quale lo stesso riceveva dai complici una parte del bottino pari a circa 1.500 euro.

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.