f Bagheria. Sergio Flamia sarebbe stato a disposizione dei servizi segreti | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Sergio Flamia sarebbe stato a disposizione dei servizi segreti

sabato 7 giugno 2014, 11:36   Cronaca  

Letture: 4.005

flamiaSergio Flamia, nuovo collaboratore di giustizia della famiglia mafiosa di Bagheria, sarebbe stato un infiltrato dei servizi segreti per ben 5 anni.
A rilevarlo è Salvo Palazzolo in un articolo pubblicato nell’edizione di oggi di Repubblica.
Nell’articolo si sottolinea che Flamia per Pino Scaduto, il patriarca mafioso di Bagheria, era come un figlio.
Alla fine di giugno del 2008, Scaduto gli avrebbe chiesto la disponibilità di  una “casa tranquilla “, per alcuni incontri riservatissimi e lui si diede subito da fare, mettendo a disposizione la villetta del suocero, in una traversa della statale 113.
Ma secondo Palazzolo “quel giorno, la storia della mafia e dell’antimafia cominciò a cambiare. Scaduto convocò a Bagheria il gotha di Cosa nostra, per ricostituire la “cupola”. Flamia, invece, corse ad avvertire il suo contatto al Sisde, il servizio segreto civile. Perché Flamia non era solo un mafioso, era diventato da qualche tempo un infiltrato.
Questa è una storia ancora tutta da raccontare. “Ad ogni incontro di Scaduto, io avvertivo i servizi”, ha spiegato l’ormai ex boss ai pm di Palermo, con cui collabora da ottobre. Quelle soffiate consentirono ai carabinieri di far scattare il blitz Perseo, che nel dicembre 2008 portò in carcere un centinaio di mafiosi. C’era anche Flamia fra gli arrestati. “Dopo l’operazione,  svela lui adesso, i servizi mi fecero avere 150 mila euro”. I verbali dell’ex boss confidente sembrano la sceneggiatura di un film di spionaggio.”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.