f L'Università di Palermo ha premiato 14 giovani dottori di ricerca di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

L’Università di Palermo ha premiato 14 giovani dottori di ricerca di Bagheria

venerdì 27 giugno 2014, 11:04   Attualità  

Letture: 4.740

giovani universitari bagheresidi Pino Grasso

14 giovani bagheresi, dottori di ricerca, sono stati premiati dall’Università di Palermo insieme ad altri colleghi, con il sigillo dell’Ateneo palermitano per avere conseguito il Dottorato di ricerca del XVI ciclo.
Tra di essi ci sono medici, ingegneri, biologi, filosofi che hanno completato il ciclo di studi previsto dall’Università italiana.
I dottori di ricerca bagheresi che hanno conseguito il titolo sono: Chiara Aliotta (Scienze Chimiche), Annalisa Contato (Pianificazione Urbana e Territoriale), Antonio Belvedere (Storia dell’architettura e Conservazione dei Beni Architettonici) Vincenza D’Agati (Italianistica, testo letterario: Forme e Storia), Giovanna Di Bella (Scienze Cardiovascolari: dalla Biologia Molecolare alla Clinica), Alberto Fucarino (Medicina Sperimentale e Molecolare) Valentina Lo Iacono (Genomica e proteomica della ricerca oncologica ed Endocrino-Metabolica), Naomi Margarese (Oncopatologia cellulare e molecolare) Sabina Montana (Storia dell’architettura e conservazione dei Beni Architettonici), Giuseppe Morana (Energetica), Clio Nicastro (Estetica e Teoria delle Arti), Rossella Prestigiacomo (Medicina Sperimentale e Molecolare), Emanuele Spanò (Filosofia del Linguaggio e della mente e dei processi formativi), Raffaello Sutera (Fisiopatologia e diagnostica per immagini in ambito cardiovascolare, renale e dello Sport).

“I miei anni di dottorato sono stati altamente entusiasmanti e formativi – dichiara Chiara Aliotta – ho lavorato con un gruppo competitivo giovane e appassionato della ricerca quale è il gruppo di chimica dei materiali dei dipartimento di Fisica e Chimica. Inoltre ho fatto diverse esperienze in Italia (ENEA Casaccia di Roma; Elettra Sincrotrone di Trieste) e all’estero (Max Planck Institute di Stoccarda Germania, ESRF Grenoble Francia) che mi hanno permesso di crescere sia professionalmente che umanamente. Oggi continuo a lavorare con lo stesso gruppo grazie ad un assegno di ricerca. Mi auguro di continuare a lavorare in Italia mantenendo le collaborazioni estere ed italiane già consolidate e instaurandone delle nuove”.
Per Rossella Prestigiacomo, mamma di un bambino e un altro in arrivo una bella soddisfazione. “Il titolo conseguito rappresenta non soltanto un traguardo prestigioso in termini culturali – afferma – ma anche un risultato eccezionale per una mamma di un bimbo di due anni e in procinto di partorire il secondogenito che ha dovuto affrontare le difficoltà legate alla gestione familiare e agli impegni del corso di dottorato. Mi auguro che in futuro si possano trovare soluzioni efficaci per favorire realmente le donne che intendono portare avanti progetti di studio e lavoro senza tralasciare quello che a mio avviso rimane il progetto più entusiasmante della vita, cioè la famiglia”.
Per un dottore di ricerca filosofo è più difficile trovare opportunità lavorative in Sicilia. “Sono grato all’Università dove ho studiato per parecchi anni e mi sono formato – dichiara Emanuele Spanò – spero che questa terra mi dia la possibilità di sfruttare il titolo e di restare qui, altrimenti vedremo il da farsi”. E il sindaco Patrizio Cinque vuole offrire una opportunità a queste giovani eccellenze. “Mi congratulo con questi concittadini che danno lustro alla nostra città – dichiara il sindaco – li voglio incontrare personalmente per complimentarmi con loro e chiedere di mettere in campo le conoscenze acquisite all’Università lungo gli anni di studio per cercare di trovare soluzioni nei diversi ambiti in cui la nostra Bagheria è in sofferenza”.
L’amministrazione comunale organizzerà una cerimonia, che si svolgerà a palazzo Butera, sede istituzionale del Comune durante la quale il sindaco consegnerà un riconoscimento simbolico.

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.