f Bagheria. 600 mila euro per un centro polifunzionale per le attività dei disabili | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. 600 mila euro per un centro polifunzionale per le attività dei disabili

venerdì 18 luglio 2014, 10:38   Attualità  

Letture: 1.673

OLYMPUS DIGITAL CAMERAdi Pino Grasso

Un centro polifunzionale da adibire ad attività ludiche per minori e disabili per il quale é disponibile un finanziamento di 600.000 euro. Sarà realizzato a Bagheria.
Lo ha detto l’assessore alle Politiche Sociali, Maria Puleo nel corso di un incontro con le associazioni del Terzo Settore convocate a palazzo Bufera mercoledì scorso.
“Abbiamo bisogno di voi” – ha detto l’assessore – ora è il momento dell’ascolto e dell’apertura a tutti gli attori che operano nel sociale, in questa comunità, e ciò al fine di instaurare sinergie, di creare un circolo virtuoso. Abbiamo bisogno della vostra collaborazione e vi siamo grati di quanto fate per la città”. All’incontro hanno partecipato numerosi rappresentanti di associazioni impegnate nel sociali come la Caritas, volontari, Caf e sindacati. L’assessore Puleo ha comunicato ai presenti che il finanziamento di 600 euro è stato accertato a seguito di un incontro all’assessorato regionale.

Riguarda il progetto “Giovani, Città e Futuro”, per la realizzazione di un centro polifunzionale per attività ludiche per minori e disabili e l’acquisto di attrezzature di ultima generazione per l’avvio di laboratori sensoriali, culturali, teatrali, di musica, di informatica, attività sportive, servizio bus-navetta e servizio di counseling. Puleo ha dato comunicazione anche di un contributo regionale del 2008 per l’acquisto di attrezzature per asili nido per 78.000 euro ed altri finanziamenti riguarderebbero la ristrutturazione di due beni confiscati alla mafia e destinati a centro anti-violenza e pronto soccorso Sociale.
L’argomento più dibattuto ha riguardato il Piano di Zona. La volontaria Mimma Cinà della Caritas parrocchiale di San Giovanni Bosco, che opera in una zona ad alta densità di disagio sociale ha rilevato come non siano stati rispettati i progetti iniziali. “Oltre 100.000 euro sono andati al personale che lavora nell’ufficio PdZ – afferma – e non alla realizzazione di altri progetti per il sociale”. A tal proposito l’assessore Puleo ha dichiarato che saranno riproposte al comitato dei sindaci nuove modifiche per avere un piano realmente concertato e partecipato”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.