f Bagheria. A fuoco un autoarticolato e una pista di go-kart in via Senofonte | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. A fuoco un autoarticolato e una pista di go-kart in via Senofonte

venerdì 25 luglio 2014, 13:42   Cronaca  

Letture: 2.504

Incendio Gokartdi Pino Grasso

A fuoco questa mattina un autoarticolato che aveva a bordo una pista di Go-kart. Erano da poco trascorse le 5, quanto un intenso acre odore di fumo ha invaso la zona di via Senofonte, rendendo l’aria irrespirabile perché si era sviluppato un rogo che ha mandato in cenere una pista in legno di Go-kart che veniva utilizzata da un giostraio che opera nella centralissima via Mattarella.
Il grande mezzo era posteggiato sulla carreggiata destra a poche centinaia di metri dal Commissariato di Polizia. Sul posto sono intervenuti immediatamente i Vigili del fuoco con una squadra inviata dalla caserma di Brancaccio che erano stati chiamati, presumibilmente da un passante che ha visto il fuoco, ma per la struttura che era smontata e sistemata sull’autoarticolato non c’è stato nulla da fare perché è andata completamente distrutta per un danno quantificabile in migliaia di euro. Subito dopo gli operai del Comune hanno ripulito il fondo stradale che risultava invaso dai residui dei materiali andati a fuoco. Al momento non ci sono collegamenti con la vicenda che lo scorso mese di giugno coinvolse anche i giostrai di Piano Stenditore ad Aspra, anche se tra i titolari delle giostre che sostavano a Piano Stenditore c’è anche il proprietario dell’impianto andato a fuoco ieri mattina. Sull’episodio, per il quale non si esclude una matrice dolosa, stanno indagando gli inquirenti. Il titolare interpellato in proposito ha preferito non commentare l’episodio. Giovedì scorso anche il Consiglio comunale si era occupato del problema dei giostrai di Aspra, dove i Vigili urbani avevano apposto i sigilli perché avevano occupato abusivamente il suolo demaniale.
Il consigliere di opposizione ed esponente dell’Udc Filippo Tripoli aveva infatti presentato una interrogazione per sapere quali sono le proponimenti che intende mettere in atto l’amministrazione comunale. A Tripoli ha risposto l’assessore all’Ecosistema urbano ed Urbanistica Luca Tripoli il quale ha spiegato i contorni del caso che non è affatto semplice e che ha rischiato anche di degenerare. “Abbiamo provveduto al rinnovo della concessione per la fruizione di Piano Stenditore – afferma – il Comune ha infatti versato alla Capitaria di Porto la somma di 6.000 euro per il canone annuale per garantire la passeggiata i bagheresi. Il prossimo anno vedremo il da farsi, e cioè se rinnovare il canone per Piano Stenditore, i due scali e la spiaggia per le barche, oppure per un utilizzo diverso e questo lo faremo di concerto con i commercianti e le associazioni, certo se si vorrà demanializzare il Piano occorrerà attendere il nulla osta della Regione”. Quindi il Piano Stenditore non sarà più utilizzato dai giostrai che tra l’altro non hanno accolto l’offerta dell’amministrazione comunale di spostarsi in un’altra zona, sempre ad Aspra. La decisione dei giostrai di non accogliere l’offerta del Comune è perché il canone da pagare al Demanio ammonterebbe al 60 per cento in più rispetto a quanto pagavano in precedenza.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.