f Bagheria. Il M5S sui costi della politica: "avanti con il nostro programma" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il M5S sui costi della politica: “avanti con il nostro programma”

giovedì 3 luglio 2014, 15:26   Politica  

Letture: 3.917

cons com nuovoIl movimento 5 Stelle sui costi della politica, ha diffuso un comunicato stampa con il quale sottolinea che saranno portati avanti le idee del programma elettorale.
“Tra queste -si legge nella nota-, fondamentale la riduzione del 30% delle indennità e dei gettoni di presenza in modo da poter restituire le somme accantonate direttamente ai cittadini,  con opere e servizi finalizzati al bene della collettività.”
Il movimento aggiunge che “il sindaco sta già rinunciando alla sua indennità e non percepirà stipendio per 6 mesi ed i consiglieri del M5S percepiranno il gettone soltanto se presenti ad almeno il 70% delle sedute, esortando i colleghi consiglieri ad aderire a tale proposito.
Il nostro obiettivo è quello  di accelerare e potenziare i lavori d’aula, tramite una partecipazione attenta e costante di tutti i consiglieri comunali. L’immagine di consigli deserti dovrà essere soltanto un pallido e sbiadito ricordo. Impegno e costanza per noi sono fondamentali.”
Sulle riprese televisive dei consigli comunale il movimento aggiunge: “nel biennio 2009 – 2011 il Comune di Bagheria ha preso un impegno di spesa con la società Media One S.r.l pari a 90.000 per due anni, con un importo medio di circa 590 euro per seduta. Pertanto non ci sembra opportuno utilizzare soldi pubblici per pagare un servizio che in queste misure potrebbe apparire, seppur importante, oneroso, mentre la città soffre per l’assenza di servizi essenziali, che aggravano la già allarmante emergenza sociale. Mantenendo fede ai nostri principi e volendo evitare una scollatura in termini informativi tra amministrazione e cittadinanza, abbiamo individuato due possibilità: un bando pubblico rivolto a tv locali interessate a gestire le riprese del consiglio comunale a titolo gratuito; potenziare il servizio di riprese già esistente, che al momento permette solo una diretta streaming di bassa qualità, in modo da garantire una visione migliore permettendo alle emittenti locali di poterne usufruire a titolo gratuito. Queste due possibilità permetterebbero ai cittadini non fruitori del web di poter essere informati dei lavori consiliari a costo zero o con cifre irrisorie.”

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.