f Bagheria. Il PD: "una nuova classe dirigente composta da giovani" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il PD: “una nuova classe dirigente composta da giovani”

domenica 27 luglio 2014, 14:23   Politica  

Letture: 1.428

amenta“Si riparte insieme dai giovani”. Con una relazione approvata all’unanimità dall’assemblea degli iscritti, alla presenza del segretario provinciale e del responsabile regionale dell’organizzazione, il segretario cittadino rilancia l’azione politica del Partito Democratico puntando su un autentico rinnovamento della classe dirigente: “Se vogliamo incarnare lo spirito di innovazione e di cambiamento del partito nazionale – dichiara Orazio Amenta, segretario del Pd – occorre aprire con coraggio alle nuove generazioni, a cominciare dalle tante donne che si sono spese dentro e fuori la nostra lista elettorale.
Bisogna aprire il partito alla città e alle forze sociali, cercando di parlare meno di se stessi e più dei problemi della gente, ritornando per strada e nelle piazze a occuparsi quotidianamente della nostra storica base elettorale, costituita dalla fasce più deboli.
E’ urgente darsi un’organizzazione e delle regole interne certe, ponendo fine alla logica delle correnti, che fanno soltanto male al partito. Serve una politica chiara, senza equivoci e fraintendimenti, che partendo da una seria opposizione alla Giunta Cinque, elabori proposte e idee alternative, nello spirito positivo, che un partito, che nasce di governo, come il Pd deve imporsi.
Acqua, Rifiuti, Piano Regolatore, emergenza sociale e sviluppo territoriale saranno i temi su cui da subito cominceremo un confronto serrato in città e nelle istituzioni, aprendo il gruppo consiliare a quanti sono disposti sin da subito a migliorare la città che soffre. Il Pd deve riacquistare l’energia che portò il partito ad essere promotore della mozione di sfiducia al Sindaco Lo Meo, ritornando a tradurre, come allora, il sentimento e il volere del popolo in azione politica e istituzionale. Ripartiremo dall’organizzazione della Festa dell’Unità, che dopo anni verrà riproposta a livello nazionale, che sarà un luogo di confronto, di dibattito e di incontro, un luogo per fare innamorare i cittadini della politica e del Partito Democratico. Sarà il pretesto per fare, per la prima volta nella storia del Pd un tesseramento pubblico, aperto a quanti vorranno fare parte di questo percorso di cambiamento. Sarà un modo per provare a cambiare veramente, cercando di valorizzare le migliori risorse del nostro partito e della città. Non è lacerandoci che si prepara un futuro migliore. Diceva Berlinguer: “Ci si salva e si va avanti se si agisce insieme e non solo uno per uno.””

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.