f Patrizio Cinque: "dopo l'incendio al cimitero nuove regole. L'indagine va avanti" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Patrizio Cinque: “dopo l’incendio al cimitero nuove regole. L’indagine va avanti”

mercoledì 2 luglio 2014, 08:30   Cronaca  

Letture: 1.665

cimitero 2di Martino Grasso

L’incendio doloso che ha distrutto la settimana scorsa l’archivio del cimitero comunale non condizionerà l’attività della struttura che va avanti regolarmente. A sostenerlo è il sindaco Patrizio Cinque che tranquillizza la cittadinanza.
“Quello che è successo non intacca il servizio cimiteriale -dice il primo cittadino- non è stato procurato nessun danno a livello amministrativo. C’è un’indagine in corso che va avanti senza intoppi. Abbiamo la possibilità di recuperare tutti i dati necessari.”
Il primo cittadino annuncia inoltre il riordino del cimitero con un’ordinanza che disciplina l’ingresso nella struttura che sarà negato a macchine e motorino: “potranno accedere solo chi ha veramente problemi di deambulazione e i disabili. Inoltre si provvederà ad una nuova rimodulazione del personale.”
Il cimitero osserverà anche una giornata di chiusura settimanale.
Il sindaco sta valutando la proposta, avanzata nei giorni scorsi da alcuni gruppi consiliari, di indire un consiglio comunale aperto.
Secondo indiscrezioni, una delle piste seguite dagli inquirenti potrebbe portare all’assegnazione dei loculi.
L’incendio della settimana scorsa ha riacceso i riflettori sul cimitero comunale. Ignoti, venerdì scorso, dopo la chiusura delle 18,00, sono penetrati nei locali amministrativi e hanno appiccato il fuoco all’archivio, mandando in fumo soprattutto i contratti stipulati con i cittadini.

Le fiamme sono state notate da un fioraio che dopo avere  visto il fumo uscire da una finestra ha chiamato un familiare e poi un dipendente del cimitero.   Qualcuno ha subito  provveduto a disattivare il contatore dell’energia elettrica per evitare ulteriori danni e dopo pochi minuti sono giunti i vigili del fuoco che hanno domato le fiamme, che però nel frattempo avevano divorato i faldoni con i documenti.
Le fiamme hanno solo lambito gli uffici amministrativi e infatti alcune pratiche si sono salvate. L’incendio ha danneggiato anche i muri esterni e bruciato completamente le porte interne del locale.
Sul posto sono arrivati anche il responsabile del cimitero, la segretaria comunale, i dirigenti, il sindaco, alcuni assessori e alcuni consiglieri comunali.
Sull’incendio il sindaco ha dato la piena collaborazione alle forze dell’ordine sottolineando inoltre che “ciò che è accaduto ci fa pensare che siamo sulla strada giusta”.
Il rogo della settimana scorsa non è il primo episodio inquietante. Qualche mese prima ignoti avevano rubato un computer e alcuni attrezzi di lavoro, da rendere difficoltose persino le operazioni di tumulazione.
Va ricordato che è in corso l’inchiesta da parte della Procura di Termini Imerese,  che prese il via  il 20 febbraio scorso quando i carabinieri della compagnia di Bagheria sequestrarono 4 aree compresa una di stoccaggio in cui venivano ammassate e bruciate delle bare, alcune con resti umane.
Quella vicenda fece il giro d’Italia lasciando tutti attoniti. Il cimitero venne persino riconsacrato perché una delle accuse della Procura era di vilipendio di cadavere.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.