f Casteldaccia. "Casa Teatro" presenta le allieve del corso "Gioca Teatrando" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Casteldaccia. “Casa Teatro” presenta le allieve del corso “Gioca Teatrando”

sabato 12 luglio 2014, 21:04   Spettacolo  

Letture: 1.563

gerka bimbeStasera  alle 21.00 nel cortile della Torre di Duca di Salaparuta di Casteldaccia(ingresso gratuito sulla piazza principale di Casteldaccia), “Casa Teatro”, la scuola teatrale gestita e curata da Rosamaria Spena ed Enrica Volponi, presenta “Gerka e le 7 note” –regia di Enrica Volponi e ricerca musicale di Federico Arnone-, saggio finale del corso “Gioca Teatrando” (allieve di età compresa tra 11-15 anni).
Una storia per grandi e piccoli, attraverso un viaggio a metà strada tra la coscienza e la fantasia.
“All’interno di una famiglia tutta al femminile, -spiega Enrica Volponi- dove ben poco si sente compreso e sostenuto, Gerka passa le sue giornate come il classico monello: prende in giro gli altri, non studia, fa marachelle di ogni tipo. Il confronto con la sorella Agatha, dolce, educata e amante della Musica, rende i rapporti familiari ancora più tesi. Al culmine di una delle tante discussioni, Gerka distrugge l’antico pianoforte di famiglia e dà il via, senza saperlo, ad un meccanismo che lo condurrà verso qualcosa di inaspettato.
Nel tentativo di risolvere il danno, chiederà aiuto ad un tale, Sarsa, noto in città per il suo carattere scorbutico e aggressivo. Da questo incontro/scontro prenderà il via un viaggio fatto di sorprese, scoperte e magie che sveleranno al piccolo Gerka lo straordinario mondo della Musica, apparsa, come un sogno, nelle sembianze di 7 giovani fanciulle che altro non sono che le 7 note musicali.
Guidato, aiutato ma anche rimproverato dalle 7 fanciulle, -conclude la regista- a Gerka verrà così svelato il mistero e il fascino dell’ Arte,  di quel curioso mondo in cui si “vive di sogni e si trova realizzabile l’irrealizzabile” .

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.