f In 500 mila della Provincia di Palermo rischiano di rimanere senz'acqua | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

In 500 mila della Provincia di Palermo rischiano di rimanere senz’acqua

lunedì 14 luglio 2014, 11:34   Attualità  

Letture: 1.895

acqua 3Sono almeno 500 mila i cittadini dei comuni della Provincia di Palermo che rischiano di rimanere senz’acqua da giovedì 17 luglio e 100 impianti di depurazione e di sollevamento dei liquami verranno bloccati.
I sindaci dei comuni interessati – tra cui Camporeale, Bagheria, Cefalù, Santa Cristina Gela, Piana degli Albanesi, San Cipirrello, San Giuseppe Iato, Isola delle Femmine, Ficarazzi, Campofelice di Roccella, Altavilla Milicia – hanno richiesto per giovedì un incontro con il Presidente della Regione e il Prefetto di Palermo.
Analoga richiesta era stata avanzata dai sindacati a seguito della manifestazione svolta venerdì 11 a palazzo delle Aquile, “la posizione del Comune è sempre la stessa, acqua pubblica e gestione AMAP con consenso di comuni interessati e con rimozione di ostacoli procedurali e finanziari” – ha dichiarato il Sindaco di Palermo – “ il Presidente della Regione potrebbe intervenire con poteri di ordinanza già ipotizzati prima della procedura di ricerca di qualche APS di serie D”.La contaminazione e alterazione ambientale sarà prevedibilmente considerevole insieme al grave danno sulla salute pubblica. Epilogo disastroso di una vicissitudine per cui l’Assemblea Regionale Siciliana e il Governo Regionale non sono riusciti a trovare una risoluzione.

Teoricamente la normativa regionale non approva la frammentazione del servizio idrico integrato, nonostante ci siano Comuni che da tempo ritengono di potere provvedere autonomamente e garantire il servizio.
I sindaci di 42 comuni e i sindacati FILCTEM – CGIL, FEMCA – CISL, UILTEC – UIL, UGL – Chimici e CISAL – Federenergia richiedono espressamente l’intervento del Presidente della Regione che adotti una “ordinanza avente carattere urgente e contingibile per affidare a terzi la gestione di un servizio pubblico essenziale”, considerata la degenerazione che la rinuncia all’acquisizione della siracusana Onda Energia ha innescato.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.