f PoIN attrattori culturali, naturali e turistici se ne è discusso a Bagheria | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

PoIN attrattori culturali, naturali e turistici se ne è discusso a Bagheria

martedì 8 luglio 2014, 10:44   Attualità  

Letture: 1.147

poin bagheriaAlla presenza di un pubblico di addetti ai lavori si è svolto nei giorni scorsi il seminario “Attrattori culturali, naturali e turistici. Un’opportunità di sviluppo con gli incentivi per l’auto-impiego”. Sollecitato dall’assessore alla Programmazione, Alessandro Tomasello, al seminario hanno partecipato il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque e il referente di Sviluppo Italia Sicilia, Roberto Lo Meo, accolti dalla padrona di casa in aula consiliare, la presidente Claudia Clemente.

Dopo  una breve introduzione dell’assessore che ha spiegato cosa sia il Po.I.N. ed in cosa consista il programma operativo interregionale  che si basa su fondi FESR 2007-2013 ha preso la parola il rappresentante di Sviluppo Italia Sicilia, Lo Meo che ha spiegato ai presenti le misure del programma.

“Il programma promuove e sostiene lo sviluppo economico e sociale delle Regioni dell’Obiettivo Convergenza, attraverso la valorizzazione delle risorse naturali, culturali e paesaggistiche in esse localizzate – spiega Lo Meo – in dettaglio il PON prevede il rafforzamento e sostegno del sistema delle imprese turistiche e di quelle operanti nelle filiere connesse alla fruizione turistica dei Poli, in particolare quelle del settore culturale ed ambientale”.
Gli interventi previsti  mirano a valorizzare il patrimonio storico, architettonico, culturale e ambientale, a sostenere le imprese che operano nei settori della conservazione del patrimonio culturale e naturale (restauro del patrimonio costruito e dei materiali, diagnostica, e monitoraggio dello stato di conservazione, ecc).
E ancora il sostegno di imprese, associazioni e fondazioni che operano nel campo culturale, sia per il recupero delle identità tradizionali  (tradizioni demo-etno-antropologiche, artigianato artistico, ecc) che per la produzione e la promozione delle sperimentazioni artistiche  contemporanee (musica, danza, teatro, creazione laboratori artistici, ecc).
“Il Poin trova attuazione concreta attraverso misure di auto-impiego gestite da Invitalia – continua a spiegare il referente di Svilppo Italia Sicilia i cui beneficiari sono soggetti singoli o in forma societaria che devono avere la maggiore età ela non occupazione alla data di presentazione della domanda e la residenza nelle regioni meridionali.
Tre le misure: lavoro autonomo (ex prestito d’onore) che finanzia dite individuali nei settori della produzione di beni, fornitura di servizi, commercio (agricoltura esclusa) con un investimento massimo di 25,823euro più IVA sui cui è previsto in contributo in parte a fondo perduto ed in parte a mutuo agevolato da restituire in 5 anni  al tasso dell’1%; la microimpresa che finanzia società di persone nei settori della produzione e di beni, fornitura di servizi, (commercio ed agricoltura esclusi) con un investimento massimo di 129,114 mila euro più IVA, su cui è previsto in contributo in parte a fondo perduto ed in parte a muto agevolato da restituire in 7 anni al tasso dell’1% ed infine il franchising che finanzia ditte individuali e società di persone e/o di capitale, nei settori del commercio e fornitura di servizi (iniziative gestite in affiliazione con franchisor accreditati dall’Agenzia) con un contributo, a completa copertura dell’investimento, entro il limite di 200 mila euro più iva”.
Dal 2001 ad oggi sono state presentate dal territorio della città di Bagheria circa 250 domande di ammissione alle agevolazioni di cui circa la metà sono state finanziate ed attualmente operanti nei vari settori, sia di tipo tradizionale iniziative artigianali, e commerciali, sia nei settori innovativi (informatica, telecomunicazioni, stampa tridimensionale, servizi per la fruizione dei beni culturali).
Diverse le sollecitazioni che sono venute dal pubblico presente che, trattandosi di addetti ai lavori, si sono dichiarati disposti a collaborare con l’amministrazione e la sollecitano ad intervenire subito per non perdere i finanziamenti della nuova programmazione.
Dal canto suo l’amministrazione ha già iniziato a lavorare sulla programmazione, ha aperto un dialogo con Sviluppo Italia Sicilia, proponendo alla stessa di essere presente, con uno sportello anche presso il comune di Bagheria, come spiega l’assessore Tomasello e ha anche iniziato a gettare le basi per “Laboratorio Europa” un ufficio che si occuperà appunto di ricercare e mettere a frutto i fondi reperibili in Europa e non solo quelli.
L’incontro ha offerto anche l’occasione ai presenti, allontanandosi dal tema principali del seminario, di chiedere al primo cittadino di Bagheria, quali siano le prossime mosse dell’amministrazione comunale in tema di sviluppo, di decoro urbano e di diverse problematiche che riguardano la città.
“Abbiamo dato i nostri indirizzi programmatici ai dirigenti – ha detto il sindaco Cinque – prossimamente intendiamo presentare i nostri prossimi 100 giorni, questa è ancora una fase di analisi e di studio della situazione ma nel frattempo non siamo stati fermi, stiamo procedendo alla riorganizzazione della macchina amministrativa, a programmare la soluzione di alcune emergenze come quella del cimitero, della gestione del verde pubblico, del decoro dell’ambiente”. Questioni che camminano di pari passo con lo sviluppo ed il lancio turistico di una città.
(fonte ufficio stampa Comune Bagheria)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.