f Sul giardino di villa san Cataldo | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Sul giardino
di villa san Cataldo

mercoledì 2 luglio 2014, 09:09   L'Opinione  

Letture: 1.518

villa san cataldodi Giovanna Ferrigno

Sono un’insegnante in pensione e vivo a Bagheria da più di vent’anni.
Quando giunsi in questa cittadina ne fui felice perché vivere in un centro culturale come Bagheria mi riempiva di orgoglio. I nomi di Renato Guttuso, Ignazio Buttitta, Giuseppe Bagnera, Dacia Maraini… proprio per ricordarne qualcuno, le 21 ville presenti nel territorio e la risorsa naturale di M. Catalfano riuscivano a farmi sentire parte di un patrimonio che dovevo condividere con la mia famiglia, gli amici, i miei alunni.
Ma così non è stato, purtroppo!
Nel tempo mi sono dovuta ricredere più volte perché lo stato socio-culturale, l’area naturale e le ville, l’illegalità più profonda e la spazzatura per le vie regnavano nell’abbandono più totale.
Tuttavia nel corso dell’ultimo decennio qualcosa è cambiato perché l’area naturale è stata curata con progetto di forestazione ed area attrezzata, è avvenuto il restauro del palazzo Cutò-D’Aragona (oggi sede della biblioteca comunale) e ultimamente è stato aperto il giardino di villa San Cataldo.
L’apertura del giardino, in particolare, mi aveva riempito di gioia anche perché, per l’inaugurazione e la giornata del FAI,  ho visto tanti giovani ciceroni spiegare ai visitatori  la stanza dello scirocco e il restauro delle parti antiche del muro di recinzione e dell’acquedotto, spiegare la diversa vegetazione presente rinverdita e curata dall’ass. Massimo Mineo,  la presenza di studenti in costumi d’epoca, …. Tutto ciò mi ha illuso e pensavo che finalmente qualcosa stava cambiando.
Da circa un mese  il giardino è stato richiuso… Il motivo? Non so…
Mi viene da pensare quando a scuola o in Comunità ai ragazzi parlavo di educazione al senso civico, di legalità, di bene comune e dicevo loro: “Che cos’è la società civile? E che cosa vuol dire abitare in una società civile? Qual è la nostra responsabilità? Cosa vuol dire cittadinanza attiva e consapevole?”
Domande che oggi si propongono ancora ma che non ricevono risposte perché tanto non cambierà mai nulla o se questo avverrà sarà soltanto per la volontà di pochi responsabili coscienti di avere un cuore aperto al miglioramento  e non perdere la memoria.
Che educazione stiamo proponendo oggi ai giovani tanto cari ai nostri  Papi e ai nostri figli del domani?
Su quali valori debbono fondare il loro futuro quando le istituzioni non garantiscono ciò che promettono?
Lascio le risposte a chi leggerà queste mie brevi e semplici riflessioni.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.