f Bagheria. Al poliambulatorio apre un centro territoriale di terapia del dolore | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Al poliambulatorio apre un centro territoriale di terapia del dolore

giovedì 14 agosto 2014, 13:46   Attualità  

Letture: 1.930

Poliambulatoriodi Pino Grasso

Al Poliambulatorio apre un Centro territoriale di terapia del dolore. Si tratta di una novità in assoluto predisposta presso il Distretto sanitario n. 39 che serve un bacino di utenza di oltre centomila assistiti dei paesi di Bagheria, Altavilla Milicia, Casteldaccia e Santa Flavia che potranno evitare le lunghe liste d’attesa di 6 mesi ed oltre, che fino ad oggi sono costretti a subire nei presidi ospedalieri.
“Il progetto “Ambulatorio terapia del dolore”, voluto e promosso dalla Direzione Generale e realizzato dalla Direzione distrettuale – dichiara il dirigente del distretto Anna Cirrincione – si pone il duplice obiettivo di rispondere alla crescente domanda di assistenza da parte dei paziente affetti da dolore acuto – cronico non oncologico e, altresì, di coniugare le esperienze acquisite in termini di linee guida per la gestione del dolore nel territorio”. Il personale sanitario front line è costituito da specialisti in “Anestesia, rianimazione e terapia del dolore” e da personale infermieristico professionale con specifica esperienza.

“L’Ambulatorio è in atto l’unico esistente a livello distrettuale – aggiunge il direttore del Distretto Luigi Lo Giudice – dedicato alle peculiarità dell’utenza territoriale, ed è pensato per costruire un sistema di rete sull’asse territoriale centrale dell’ASP (demograficamente significativo) in assetto di centro Spoke con riferimento, per le prestazioni a più alta complessità, il centro Hub accreditato presso l’Azienda Cervello – Villa Sofia”.
Al livello ambulatoriale si aggiunge a quello di sperimentazione di procedure dedicate al trattamento del paziente con dolore anche tramite il coinvolgimento dei Medici di medicina generale, degli  specialisti attivi nel percorso del paziente cronico nell’interfaccia disciplinare e dell’Ambulatorio Infermieristico. L’Ambulatorio, dotato degli standard di sicurezza e qualità, erogherà prestazioni inserite nel sistema CUP, il Centro unificato prenotazioni, l’accesso iniziale consisterà nell’incontro con il paziente e la raccolta della sua storia e della sintomatologia dolorosa, nella visita e nell’eventuale prescrizione di accertamenti allo scopo di consentire una diagnosi accurata. Successivamente viene proposto, spiegato e condiviso con il paziente l’approccio terapeutico più opportuno al quale lo stesso Paziente dovrà fornire il proprio consenso. Le prestazioni erogabili saranno la terapia nei diversi distretti anatomici e, tramite tecnica eco guidata, interventi antalgici tramite terapia medico farmacologica e interventistica come infiltrazioni nervose ed articolari alle ginocchia, spalla, caviglia, anca e sacroiliaca. E’ pure prevista l’attivazione dello “Sportello del dolore” da intendersi quale modulo di accoglienza supportato inizialmente da Infermieri professionali ove vengono individuate le modalità del paziente di raccontarsi la malattia e la sofferenza, la sua consapevolezza rispetto alla diagnosi, alla prognosi e agli obiettivi terapeutici e la valutazione dell’eventualità di delegare a familiari o amici ogni carico di decisioni concernenti la sua malattia.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.