f Bagheria. Scuola Puglisi. I genitori: "se a settembre non riapre, la occuperemo" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Scuola Puglisi. I genitori: “se a settembre non riapre, la occuperemo”

lunedì 11 agosto 2014, 10:35   Attualità  

Letture: 2.344

Scuola Puglisidi Pino Grasso

I genitori dei bambini che frequentano la scuola “padre Pino Puglisi” minacciano serrate se a settembre non riapre.
“Se la scuola non viene riconsegnata entro l’inizio dell’anno scolastico -dichiarano i genitori del quartiere- siamo pronti a manifestare con l’occupazione dell’edificio a tempo indeterminato”.
Sono molte le preoccupazioni manifestate da parte dei genitori circa i tempi di riapertura della Scuola Puglisi di Contrada Monaco dopo i lavori di ristrutturazione e per la realizzazione della sopraelevata eseguiti dalla ditta “Euroservizi S.r.l.” di Partinico, appaltati ormai da due anni.
Anche il consigliere comunale del Partito Democratico Emanuele Tornatore che opera come volontario nel quartiere si dimostra preoccupato.
“Ho chiesto alla commissione consiliare di affrontare il problema con l’assessore ai Lavori Pubblici, alla Pubblica Istruzione – spiega il consigliere – gli alunni, i genitori e la città non possono ancora rimanere privati della loro scuola e occorre fare rispettare i tempi di consegna”. In proposito l’assessore ai Lavori Pubblici Fabio Atanasio sta acquisendo informazioni ed assicura che sono già stati attenzionati dall’Amministrazione comunale e si stanno predisponendo i tavoli tecnici.
La scuola Puglisi rappresenta un vero presidio nel territorio, importante anche per le attività di educazione anche pomeridiana che coinvolge oltre gli alunni della stessa scuola anche tanti altri soggetti. Intanto sono salvi i finanziamenti Pon sicurezza 2007/2013 sulla qualità degli ambienti scolastici, grazie alla presa d’atto da parte della Giunta municipale dei progetti esecutivi per la ristrutturazione degli ambienti scolastici e del consenso all’esecuzione dei lavori dell’Istituto comprensivo Castrenze Civello di Aspra, della scuola media “Giosuè Carducci”, “Pirandello – Guttuso”.

I finanziamenti ammontano a circa 350.000 euro per ciascuna scuola. “Il Pon sicurezza era a rischio di perdita dei finanziamenti – afferma il sindaco Patrizio Cinque – ed allora abbiamo contattato il Miur che ci ha detto di fare presto, a costo di chiudere i progettisti in una stanza e così abbiamo fatto in tempo per evitare che i progetti di quattro scuole progetti saltassero e che invece partiranno a settembre”. Con il provvedimento adottato la scorsa settimana l’amministrazione comunale ha preso atto dei progetti esecutivi dei lavori di adeguamento alla normativa vigente, della rifunzionalizzazione degli spazi, del potenziamento dei servizi e dell’efficienza energetica acconsentendo all’esecuzione dei lavori.
La deliberazione è stata trasmessa ai rispettivi dirigenti scolastici per gli adempimenti consequenziali. Inizialmente i progetti presentati riguardavano i seguenti circoli e istituti: il I Circolo “Giuseppe Bagnera”, il II Circolo “Giuseppe Cirincione”, il III Circolo “Luigi Pirandello”, il IV Circolo “Giovanni Girgenti”, il V Circolo ‘”Antonio Gramsci”, l’Istituto comprensivo “Ignazio Buttitta”, l’istituto comprensivo “Castrenze Civello”, la Scuola media “Giosuè Carducci” e la scuola media “Ciro Scianna”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.