f Bagheria. Sel: "la decisione di riaprire il Corso Umberto è un tragico passo indietro" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Sel: “la decisione di riaprire il Corso Umberto è un tragico passo indietro”

giovedì 18 settembre 2014, 17:25   Attualità  

Letture: 1.871

corso umberto 1Il circolo Sel di Bagheria, “Gennarino Carunchio”con un comunicato stampa, ritiene che la decisione di riaprire il Corso Umberto al traffico automobilistico (dalle 21 alle 14 del giorno successivo) costituisca un tragico passo indietro per Bagheria.
“È anzitutto, una scelta sbagliata nel metodo. In un momento che per le decisioni del territorio richiede di adottare forme di co-progettazione aperte, incrementali e frutto della partecipazione attiva dei cittadini, su un tema che è molto sentito dalla cittadinanza, il Sindaco Cinque fa una scelta in totale silenzio e senza avviare alcuna occasione di dibattito collettivo che sia in grado di mettere al confronto le istanze dei commercianti, quelle dei cittadini e delle associazioni. È una scelta anacronistica e inefficace nel merito. A cosa serve una parziale riapertura? Alla soluzione della crisi dei commercianti, no certamente. Alla sicurezza notturna, probabilmente. A riabilitare antiche cattive abitudini, a rallentare i processi di riqualificazione, a rimandare la risoluzione della gestione della sosta e del traffico in Centro Storico, sicuramente.
La scelta di riaprire il Corso alle automobili priva tutti di uno dei pochi spazi pubblici identitari della città solo da qualche anno riconquistato. I processi di pedonalizzazione hanno bisogno di maturazione sotto il profilo dello stile di vita dei cittadini, di valide politiche al contorno di supporto sul fronte dei servizi di sosta e mobilità e di politiche di riqualificazione urbana e di animazione culturale. Ed è proprio su questo fronte che riteniamo si debba lavorare.”

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.