f Scuola Puglisi. Mi dispiace per l'emendamento | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Scuola Puglisi.
Mi dispiace per l’emendamento

martedì 9 settembre 2014, 17:52   L'Opinione  

Letture: 1.934

di-stefano-domenicodi Domenico Di Stefano *

Venerdì 5 Settembre, si è tenuta una lunga seduta di consiglio comunale, iniziata alle ore 11:30 e conclusasi intorno alle ore 18.30. La seduta, avente come o.d.g. la ricerca di locali per ospitare provvisoriamente gli alunni della scuola Puglisi, si è svolta, in sessione straordinaria ed urgente, su richiesta dei consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle. Appare illogico che un gruppo di governo richieda la convocazione di un consiglio comunale straordinario ed urgente, il cui costo gravita sulla collettività, con il solo intento di impegnare l’amministrazione Monocolore 5 Stelle di trovare dei locali idonei ad accogliere gli alunni della scuola Puglisi, sita in contrada Monaco ed istituire un servizio bus-navetta, attraverso l’ausilio di ipotetici sponsor in attesa del completamento dei lavori di ristrutturazione, ampliamento ed innovazione tecnologica della stessa scuola.
Il M5S dimentica di possedere il governo della città con una schiacciante maggioranza anche in consiglio comunale, e di non avere finora perso occasione per manifestare il potere da essa derivante. Quindi l’illogicità di questa convocazione è data dal fatto che visti gli argomenti presentati all’o.d.g. potevano gli stessi essere affrontati in una delle riunioni di gruppo del M5S ed inoltre in una riunione di capi gruppo, proponendo le relative soluzioni senza che vi fosse la necessità di convocare un consiglio comunale, con un conseguente aggravio di costi per la collettività. Tra l’altro gli impegni assunti dall’amministrazione e cioè di consegnare la scuola alla collettività subito dopo le vacanze natalizie, di individuare locali idonei per sopperire all’attuale emergenza e l’istituzione di un servizio navetta trasporto alunni non necessitano di un atto deliberativo del consiglio. Ecco perchè (inutile) il consiglio comunale!
Nel corso della seduta si sono susseguiti gli interventi del Sindaco, dell’Ass. Fabio Atanasio, del Dirigente del settore e inoltre è intervenuto anche l’Ass. Balistreri che ha informato l’assemblea di voler predisporre un bando al fine di trovare eventuali sponsor che possano finanziare l’acquisto di un furgoncino, per istituire un servizio navetta che possa essere usufruito dagli alunni della scuola Puglisi in attesa della sua riapertura. L’Amministrazione nel corso della seduta si è anche assunta l’impegno di consegnare la scuola alla collettività dopo le vacanze natalizie. Nonostante ciò nutro forti perplessità sulla possibile riapertura della scuola per il mese di Gennaio. La mia perplessità deriva dal fatto che ad oggi per il completamento dei lavori è necessario definire l’impianto elettrico, la collocazione degli infissi, la realizzazione dell’impianto fotovoltaico e la sistemazione del giardino dell’area esterna; inoltre si deve anche tenere conto che nel corso dell’esecuzione dell’opera è stato necessario, in un primo momento apportare una prima variante e ad oggi una seconda, la quale deve essere definita, predisposta e sottoposta all’iter burocratico di rito; bisogna considerare altresì tutte le fasi di collaudo,verifica, rendicontazione e conformità degli organi preposti a farlo rispetto al progetto originario trattandosi di un opera finanziata con fondi stanziati dalla Comunità Europea; è infine opportuno prendere atto che ad oggi si sono esaurite le risorse economiche stanziate per l’esecuzione dell’opera  e che quindi è necessario la rimodulazione di tutto il piano economico-finanziario. Alla luce di tutte queste considerazioni, sono fortemente preoccupato che l’impegno assunto dall’amministrazione relativo ai tempi di consegna della scuola possa oggettivamente essere rispettato. La
proposta dell’Ass. Balistreri di acquistare un furgoncino 9 posti mi appare insuffuciente data una utenza di 400 alunni; per l’appunto colgo l’occasione per ricordare che i medesimi disagi si avvertono, anche in altre scuole, da quanti risiedono nelle zone di periferia della città e dai concittadini della frazione di Aspra a causa dell’assenza di un servizio di trasporto pubblico.
Visti i piani dell’Amministrazione di consegnare la scuola a Gennaio, mi è sembrato oneroso l’acquisto di un mezzo per un così breve periodo di utilizzo, il cui acquisto comporta ovviamente spese riguardanti l’assicurazione, il bollo, la manutenzione e quant’altro, sempre a carico dell’Ente in già difficoltà finanziarie. Grazie però all’emendamento presentato dai consiglieri Gargano e Lo Galbo supportato dal gruppo di minoranza e successivamente votato all’unanimità da tutto il consiglio, l’Amministrazione si è impegnata a noleggiare il mezzo anzichè acquistarlo. Esprimo inoltre il mio profondo rammarico per l’emendamento presentato dal sottoscritto e supportato dal gruppo di minoranza ma bocciato dal gruppo consiliare del M5S (maggioranza in aula), il quale invitava i consiglieri comunali ad impinguare le risorse economiche derivanti dai contributi degli ipotetici sponsor, con il ricavato dei gettoni delle sedute di consiglio comunale,da oggi fino alla data di consegna della scuola alla collettività. Ho altresì invitato ad aderire alla mia iniziativa i componenti della giunta, naturalmente Sindaco escluso il quale ad onor di cronaca non percepisce nessuna indennità per i primi sei mesi di mandato.
Il comportamento assunto da parte dei consiglieri del M5S appare alquanto contraddittorio in relazione a ciò che in più occasioni è stato da loro proclamato. Per quanto mi riguarda nonostante il M5S abbia bocciato l’emendamento da me presentato, conseguentemente e coerentemente ad esso, sono fin da subito disponibile ad offrire il mio modesto contributo per la realizzazione del servizio. Concludo, esprimendo la mia solidarietà nei confronti dei giornalisti ai quali è stato impedito immotivatamente da qualche consigliere del M5S di svolgere delle riprese con i propri telefonini, dato che la seduta era pubblica.
*consigliere comunale

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.