f Bagheria. Giorgio D'Amato ha riproposto "L'estate che sparavano" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Giorgio D’Amato ha riproposto “L’estate che sparavano”

venerdì 31 ottobre 2014, 10:58   Cultura  

Letture: 1.394

d'amatoLa terribile estate del 1982 in cui vennero ammazzate decine di persone, nel famigerato triangolo della morte fra i comuni di Bagheria, Altavilla Milicia e Casteldaccia, continua a fare parlare di sè.
Questo grazie al libro  “l’estate che sparavano” scritto da Giorgio D’Amato 2 anni fa.
Ieri sera se ne è parlato alla galleria Drago d’arte contemporanea. 
Giorgio D’Amato ha ancora una volta parlato di quella stagione attraverso la lettura di brani del libro, ma anche con la proiezione di immagini e la trasmissione di pezzi d’audio di alcuni dei protagonisti. Lo fa anche con l’ausilio di alcuni ragazzi bravissimi.
Quella di D’Amato è molto simile ad una piece teatrale che non è ammiccante. Non fa l’occhiolino agli spettatori. In maniera lucida racconta fatti di cronaca a tratti terribili. Lo fa con semplicità e con dovizia di particolari.
Vengono raccontati episodi e le dinamiche che portarono agli omicidi di numerosi affiliati a Cosa Nostra. Alcuni ammazzati per uno sgarro o per una frase detta male. Molti finiti strangolati e sciolti nell’acido.
E gli spettatori vengono avvolti nel racconto e proiettati in una realtà lontana di 30 anni ma che non teme il peso degli anni.
Gli anni 80, per fortuna, sono distanti, ma è incredibile pensare che nelle strade bagheresi e dei paesi limitrofi le persone venivano ammazzate con una semplicità sconcertante.
Il lavoro di D’Amato ha il merito di non fare cadere nel dimenticatoio fatti consegnati alla storia e che fa capire molto del pensiero mafioso.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.