f Bagheria. Il consiglio comunale aumenta del 5% la tassa sui rifiuti. Contrarie le opposizioni | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il consiglio comunale aumenta del 5% la tassa sui rifiuti. Contrarie le opposizioni

mercoledì 1 ottobre 2014, 00:01   Attualità  

Letture: 2.600

cons. com. 5 settembredi Martino Grasso

Il consiglio comunale ha approvato l’aumento del 5% della Tari, la tassa sui rifiuti solidi urbani. La delibera è stata approvata dai 18 consiglieri comunali del Movimento 5 stelle, con il voto contrario dei consiglieri dell’opposizione, fatta eccezione per il Pd e Paolo Amoroso che sono usciti dall’aula.
“L’aumento dell’aliquota Tari del 5% -ha detto il capogruppo del movimento 5 stelle Maria Laura Maggiore- è un obbligo di legge dovuto alla necessità di coprire integralmente il costo del servizio smaltimento dei rifiuti. L’aumento del costo del servizio è stato determinato al conferimento in discarica e ai costi del carburante. È utile ricordare che i Comuni possono conferire solo in discariche, previa autorizzazione regionale e quindi subita dall’Ente.
Le discariche autorizzate sono molto distanti dal Comune. Ciò ha infatti comportato una determina del dirigente attraverso una convenzione Consip con il Kuwait per un ammontare di 450.000 euro.”
La maggioranza ha sottolineato che i costi si sono ridotti anche grazie alla variazione dell’orario di lavoro da notturno a diurno. I costi sarebbero diminuiti anche dopo i blitz di agosto con la verifica sulle effettive presenze nel luogo di lavoro, sui continui guasti ai mezzi e sui carburanti trafugati.
“Se questi atti non fossero stati compiuti -ha continuato Maria Laura Maggiore- ci troveremo oggi ad una proposta di aumento sicuramente superiore”

Molto critiche le opposizioni.
Filippo Tripoli ha sottolineato che “non può pagare sempre la città. Occorre un percorso comune per risolvere il problema. Non si può sempre e soltanto attaccando gli altri.”
Sulla stessa lunghezza d’onda Gino D’Agati, Angelo Barone, Maurizio Lo Galbo, Carmelo Gargano che hanno replicato al sindaco Patrizio Cinque che nel suo intervento aveva attaccato le minoranze di demagogia, mentre facevano parte di gruppi e partiti che avevano contribuito a portare il comune al dissesto economico.
“Stasera -ha detto Lo Galbo- il sindaco ha toccato il fondo, facendo la divisione fra buoni e cattivi”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.