f I problemi rimangono irrisolti | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

I problemi
rimangono irrisolti

giovedì 30 ottobre 2014, 13:02   L'Opinione  

Letture: 1.111

mineo massimodi Massimo Mineo

Sono quasi 800 le firme che sono state inviate al sindaco di Bagheria per far conoscere il disappunto di tanti cittadini che sono pronti alle “barricate” purché non si consumi l’insensata proposta di un’amministrazione comunale che vuole autorizzare il posteggio delle auto a ridosso delle aule scolastiche dei nostri figli.
Va premesso che rimaniamo tutt’oggi frastornati dalla patologica schizofrenia amministrativa che caratterizza i vertici locali. È imbarazzante come Sindaco e giunta tra comunicati, conferme, smentite e correttivi in corso d’opera,  riescono a dire e a fare tutto e il contrario di tutto. Del resto cosa c’era da aspettarsi da chi fino a poco tempo fa raccoglieva le firme per mantenere corso Umberto I isola pedonale e a distanza di qualche mese lo apre al traffico? Cosa c’era da aspettarsi da chi “fanfarava” che ogni scelta sarebbe stata concertata con tutti i cittadini e che oggi mette in scena pantomime di democrazia per presentare alla Città scelte prese tra pochi?
Sono state protocollate le firme di tanti indignati, di tanti genitori e cittadini che dicono no a qualsiasi forma di inciviltà che voglia invadere e deturpare le istituzione deputate alla formazione dei nostri figli. Di fronte ad una Città che presenta un assetto urbanistico mai pensato a misura del cittadino ma che racconta una storia fatta di interessi e di mafia, l’attuale amministrazione piuttosto che valorizzare le aree intorno alle scuole pensa bene di riperimetrare al ribasso quei pochi spazi di civiltà.
E non basta a tranquillizzarci il funambolismo dell’assessore di turno che un minuto prima dichiara che le scuola non si toccano ed un minuto dopo sembra quasi avere nello zaino la vernice per tracciare la segnaletica verticale nei nuovi parcheggi “in prossimità delle scuole” (???) da far gestire ad una qualche cooperativa.
Chi non può schierarsi al  fianco dei dirigenti scolastici che giustamente preoccupati hanno preso posizione? Siamo personalmente pronti a qualsiasi azione per tutelare i nostri figli. Le scuole, amministrazione cinque stelle, non si toccano!
È mortificante ed allo stesso tempo preoccupante che dopo cinque mesi di gestione M5S l’unica cosa concretamente prodotta è stata un’ordinanza sindacale che riapre corso Umberto I al traffico veicolare. E mentre sindaco, giunta ed entourage di attivisti fa sedute giornaliere per autoconvincersi dell’opportunità della scelta questa Città rimane macchiata dalla Vergogna  di vedere gli alunni con disabilità senza alcun servizio.
In effetti non è proprio così, ed in aiuto ci è venuto il deputato pentastellato Nuti che senza alcuna Vergogna ricordava a tutta la Camera che l’amministrazione cinque stelle di Bagheria garantirà il servizio di assistenza igienico personale agli alunni con disabilità per due ore al giorno. Due ore al giorno.
Nelle dichiarazione fatte dall’onorevole Nuti ci sfuggono ancora le ore garantite dal Comune di Bagheria per l’assistente alla comunicazione, ma sarà nostra premure riascoltare l’intervento.
Ma la Vergogna è condizione che non appartiene al M5S, è piuttosto lettera scarlatta per chi li ha preceduti. E mentre i predecessori hanno compiuto il disastro i successori sembrano avere deciso fare trascorrere cinque anni a ricordarlo, mentre a trascorrere sono pure i problemi.
La vera Vergogna è un’amministrazione che non riesce a garantire alcun servizio, neanche quelli che non possono risentire dell’effetto dissesto.
A questo punto una domanda è d’obbligo. Se l’amministrazione cinque stelle si sta caratterizzando per la mole di noli a freddo e a caldo che dichiara essere necessari per garantire il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti (anche se fino a qualche giorno fa dichiarava essere scelte permeate da infiltrazione mafiosa) e vi trova copertura finanziaria, come mai non riesce a fare lo stesso per altri servizi essenziali ed obbligatori? Forse la tutela dei diritti dei nostri figli valgono meno dei rifiuti?
Circo Massimo a Roma, Parlamento di Bruxelles, “sfiducia day” a Crocetta. È ormai un dato statistico che il nostro sindaco è attratto solo da eventi di una certa visibilità, ma caro primo cittadino la prima vera visibilità se la deve costruire nel faticoso e umile ruolo di chi deve risolvere i problemi giornalieri della propria comunità, e non perché vuole ma perché deve.
Belle frasi, proclami di un certo effetto e voli pindarici, fanno di certo salire le quotazioni di una figura istituzionale che può fare il “salto di qualità” ed allo stesso tempo  creano una coltre di fumo che non permette alla gente di capire che i problemi rimangono irrisolti, anzi alcuni si cronicizzano.
Ma di certo ci stiamo sbagliando su tutto, le soluzione saranno alle porte, state avendo soltanto un piccolo ritardo rispetto a quanto dichiarato in campagna elettorale: “tutto e subito!”.
Noi continuiamo ad essere fiduciosi…

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.