f Una donna riferì a Messicati Vitale del pentimento di Zarcone: "una bella perdita è" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Una donna riferì a Messicati Vitale del pentimento di Zarcone: “una bella perdita è”

sabato 11 ottobre 2014, 11:03   Cronaca  

Letture: 3.328

zarcone messicatiQuando Antonino Zarcone rese nota la sua collaborazione, una donna si recò da Antonino Messicati Vitale per riferirglielo.
La notizia viene riportata dal sito livesicilia.it, in un articolo a firma di Riccardo Lo Verso.
“La donna uscì scossa dal bunker del carcere Pagliarelli di Palermo. E si precipitò a casa di Antonino Messicati Vitale. Aveva una comunicazione urgente per lui. Poco prima le sue orecchie avevano udito ciò che mai avrebbero voluto sentire.
Antonino Zarcone aveva scelto il più plateale dei modi per sbattere le porte in faccia a Cosa nostra. Per far sapere a tutti che si era pentito. “Signor giudice… sono stato il capo del mandamento di Bagheria fino al 2011, intendo collaborare. Ho già fatto dichiarazioni che accusano me stesso e altri”: le parole di Zarcone, pronunciate durante il processo Argo, fecero calare il gelo.


E la donna corse verso casa Messicati Vitale, a Ficarazzi. Dove ad aspettarla non c’era solo il presunto capomafia di Villabate, ma anche le telecamere e le microspie piazzate dai carabinieri del Nucleo investigativo.
Il citofono suonò pochi minuti dopo le dodici del 30 settembre scorso. “Chi è?”. “Toni, scendi”. Messicati Vitale aprì il portone. “Entra”. “Toni, gliel’ho detto a Sara ma quella è stonata…”. “II fatto di Nino?”. “Una bella perdita è”. Il presunto capomafia, che sarebbe stato arrestato da lì a pochi giorni, concordava: “Una bella perdita, si è buttato quello”. Ancora la donna: “… dice… ‘da una settimana che sto collaborando’… dice… ‘perdo dei familiari’ e mi ‘pento… io ho detto: ‘… ora glielo vado a dire perché’… ce ne siamo andati cutuliati… mi raccomando Toni”.
Poi, si sentì il rumore del portoncino che veniva chiuso, la donna uscì di casa e in sottofondo i rumori della televisione accesa. “Cutuliati” diceva la donna in gergo palermitano. Tradotto in Italiano significa bastonati, perché il pentimento di Nino Zarcone è una botta per Messicati Vitale e per l’intero clan che opera fra Villabate, Bagheria e Ficarazzi. Una botta per tanti personaggi già sotto processo e per molti altri che sono ancora a piede libero.”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.