f Bagheria. Assemblea pubblica al posto del consiglio comunale. Proroga per i contrattisti | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Assemblea pubblica al posto del consiglio comunale. Proroga per i contrattisti

giovedì 6 novembre 2014, 15:18   Politica  

Letture: 1.477

consiglio comunale 6 novembre di Martino Grasso

Salta il consiglio comunale aperto per un vizio formale e lascia spazio ad un’assemblea pubblica. Questa mattina il consiglio comunale non si è svolto perché il consigliere Michele Rizzo ha ricevuto in ritardo la convocazione a causa di un problema al server generale che invia le convocazione e per legge il consiglio comunale non ha avuto luogo.
Ma gli argomenti all’ordine del giorno sono stati lo stesso affrontati con un’assemblea pubblica in cui non sono mancati gli attriti fra maggioranza e opposizione.
Critiche al presidente del consiglio comunale sono arrivate dai consiglieri comunali Paolo Amoroso e Angelo Barone.
Ma l’assemblea subito dopo è entrata nel merito della questione spinosa dei 32 contrattisti il cui rapporto di lavoro scade il 30 novembre.
E’ stato il sindaco Patrizio Cinque a spiegare come stanno le cose.
Il sindaco ha anche parlato del recente viaggio al Ministero degli Interni a Roma.
Il sindaco ha subito detto che la proroga per i contrattisti fino al 31 dicembre ci sarà.

Ha però sottolineato che il dissesto creerà notevoli disagi.
consiglio comunale contrattisti“Per il Ministero -ha detto- il Comune di Bagheria è in dissesto dal 2013. Deve essere chiaro che il dissesto non riguarda solo il sindaco o il consiglio. Il dissesto coinvolge tutti, il personale e la città. Bisogna cambiare modo di vedere le cose. Occorre una nuova mentalità.
Noi non vogliamo tagliare il personale, ma non possiamo sbagliare.
Ci hanno detto che la Procura e la Corte dei Conti ci guarderanno da vicino.
Ai contrattisti sarà concessa la proroga fino al 31 dicembre, ma la spesa del Comune dovrà essere tagliata del 50%. Per il futuro cercheremo soluzioni.
I contrattisti sono importanti perché sono 32 figure professionali fra C e D.
Il dissesto coinvolgerà tutto il personale. Bisognerà puntare sui servizi.

Per questo motivo individueremo 20 dipendenti di fascia B1 per l’assistenza igienico sanitario per i disabili, mentre parte del personale di fascia A sarà utilizzato per la manutenzione delle strade e degli immobili. Chi non accetterà rischia la mobilità”.
Le parole del sindaco echeggiano nell’aula alla presenza dei contrattisti che possono tirare un respiro di sollievo per la proroga ma il cui futuro è quantomeno nebuloso.
Il sindaco ha aggiunto che il dissesto è di circa 42 milioni di euro, 27 del Coinres e un’altra buona parte per gli espropri della ditta Aiello che inizialmente vantava un credito era di 600 mila euro e che negli anni è diventato 12 milioni di euro.
Il sindaco ha anche sottolineato che il dissesto è la cosa peggiore che possa capitare ad un Ente pubblico ma che dalla crisi si può rinascere.
Ha anche detto che bisognerà ridurre il più possibile le spese e diventare tirchi e parsimoniosi.
Dopo il sindaco ha parlato l’assessore al bilancio Maria Laura Maggiore e subito dopo sono intervenuti anche alcuni consiglieri comunali che hanno sottolineato che bisogna salvaguardare le professionalità dei 32 contrattisti.
Hanno anche parlato alcuni esponenti dei dipendenti e poi anche il segretario generale Eugenio Alessi.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.