f Bagheria. Chiude il museo Guttuso: costa troppo, 480 mila euro per 20 mila euro di entrate | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Chiude il museo Guttuso: costa troppo, 480 mila euro per 20 mila euro di entrate

domenica 23 novembre 2014, 10:40   Attualità  

Letture: 5.506

villa cattolica nuovaIl dissesto finanziario fa un’altra vittima.
L’amministrazione comunale ha infatti deciso di chiudere, temporaneamente,  il museo Guttuso che si trova a Villa Cattolica, perché costa troppo e con il dissesto non è una spesa sostenibile. Ogni anno, infatti, vengono spesi circa 480 mila euro a fronte di ricavi che non superano i 20 mila euro. La chiusura non è comunque definitiva. Visto che l’intenzione è quella di fare gestire il museo a dei privati.
La chiusura sarà utilizzata anche per consentire i lavori previsti da tempo.
Si dovrà infatti sistemare l’esterno e la realizzazione di un ascensore, grazie al finanziamento di 4 milioni e mezzo erogati dalla regione siciliana.
L’ordinanza sarà firmata nei prossimi giorni.
Anche i 15 dipendenti saranno trasferiti in altri uffici.
“Il museo non chiuderà definitivamente -dice il sindaco Patrizio Cinque-  abbiamo avviato un dialogo con gli archivi Guttuso gestiti da Fabio Carapezza- per individuare dei privati che possano gestire il complesso museale. Va sottolineato che il museo fa parte dei servizi a richiesta individuale e si dovrebbero coprire le spese per il 36 per cento e questo, purtroppo, non avviene”.

L’’assessore ai Beni Culturali, Rosanna Balisteri sottolinea: “ stiamo garantendo il lavoro de personale, stiamo condividendo con la direzione degli Archivi Guttuso, stiamo valutando ogni possibilità per ridare alla città il suo museo più bello e più fruibile di prima”.
La notizia della chiusura del museo Guttuso non è di quelle che passano inosservate.
Il museo è nato nel 1973 a seguito della donazione di Guttuso di circa 400 quadri.Si decise che le opere venissero ospitate all’interno di villa Cattolica che venne presa in affitto e successivamente acquistata al patrimonio comunale.
Il museo ospita 800 opere in 4 livelli: piano terra con opere dell’800 siciliano, piano ammezzato con la sezione del carretto, il primo piano con opere di Guttuso e il secondo piano con una mostra fotografica di alcuni artisti di grandezza assoluta come Ferdinando Scianna, Peppuccio Tornatore e Mimmo Pintacuda.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.