f Bagheria. Cimitero comunale: saranno rimosse le bare in giacenza | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Cimitero comunale: saranno rimosse le bare in giacenza

sabato 22 novembre 2014, 11:29   Attualità  

Letture: 1.835

cimitero 4di Pino Grasso

L’Azienda Sanitaria Provinciale del Distretto sanitario n. 39 bacchetta l’amministrazione comunale e chiede che le bare con le salme accatastate all’interno delle stanze e negli uffici del Cimitero vengano tolte al più presto e si trovi una soluzione idonea per tumulare i defunti. Intanto il Comune intende acquistare altri 120 loculi prefabbricati, oltre a quelli che si stanno collocati.
Non è la prima volta che Asp chiede al Comune di porre fine a tale consuetudine, ma sono pure molte le lamentele dei cittadini che chiedono risposte certe e immediate.
“La nota inviata segue le precedenti dei mesi scorsi -dichiara il responsabile del Settore Igiene pubblica del Distretto sanitario n. 39 Scalici Marcello- occorre rimuovere immediatamente le salme e tumularle. Al sindaco ho riferito che in città muoiono da 40 e 50 persone al mese che moltiplicate per un anno raggiungono numeri considerevoli. Occorre pertanto  provvedere per trovare una soluzione, altrimenti la situazione diventa ingestibile”.
Intanto il progetto di dotare il Cimitero comunale di loculi prefabbricati va a rilento e non ci sono più posti dove sistemare le bare con notevoli pericoli per la salute pubblica.

“Oltre al fatto che è indecoroso che le casse siano sistemata nelle stanze degli uffici -aggiunge Scalici- le casse possono presentare problemi dovuti a rotture con conseguente perdita di sostanze. Per l’immediato ho chiesto di tenere le pompe di calore accese 24 ore su 24 e attivare gli aspiratori per togliere il cattivo odore. In attesa che venga ampliato il Cimitero, si auspica che vengano trovate anche provvisorie”.
Fino ad ora la soluzione adottata, nella maggior parte dei casi sono state le cappelle vuote requisite, ma queste non bastano.
“La salma di mio padre è stata poggiata a terra per circa due settimane in una stanza accatastata di bare – lamenta Giusi Sanfilippo, responsabile cittadina dell’associazione “Net Left” – dove non poter entrare per nemmeno poter deporre un fiore. Vedere come un impiegato cimiteriale rimase incastrato tra le bare e le lacrime agli occhi perché per uscire avrebbe dovuto calpestare la bara di mio padre è stata una immagine che rimarrà indelebile per sempre nelle nostre menti”. Per risolvere il problema della mancanza dei loculi al cimitero comunale la Giunta municipale ha deliberato di acquistare 120 loculi prefabbricati che saranno pagati con i soldi degli stessi cittadini.
“La gara è stata aggiudicata e i loculi sono già stati acquistati e saranno installati entro Natale -assicura l’assessore ai Lavori Pubblici Fabio Atanasio- abbiamo pure ricevuto i calcoli del Genio civile e adesso sono pronte a partire le conseguenti opere murarie necessarie per la posa e chiavi in mano del manufatto ai fini dell’immediata utilizzazione. Pensiamo che con le estumulazioni già disposte e l’acquisto di un altro stock di 120 loculi siamo nelle condizioni di avere un maggiore respiro per pensare alla variante per l’ampliamento del Cimitero”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.