f Bagheria. Dopo la chiusura della scuola Gramsci, si profilano i doppi turni per 623 bambini | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Dopo la chiusura della scuola Gramsci, si profilano i doppi turni per 623 bambini

sabato 8 novembre 2014, 09:30   Attualità  

Letture: 2.428

scuola Gramscidi Pino Grasso

Dopo la chiusura per motivi di sicurezza della scuola “Antonio Gramsci” ubicata presso la Casa della fanciulla, su disposizione del sindaco Patrizio Cinque, si profilano i doppi turni per i 623 bambini. La dirigente scolastica del V Circolo didattico Maria Grazia Pipitone nei giorni scorsi aveva chiesto una verifica tecnica dei locali al fine di ottenere l’autorizzazione all’uso degli stessi in sicurezza.
“Ci sono gravi problemi strutturali che necessitano di un intervento urgente – dichiara Dirigente scolastico Maria Grazia Pipitone – ecco perché abbiamo chiesto la verifica”.
Dalla relazione di sopralluogo effettuato dai tecnici del Settore Lavori Pubblici si è capito che sussistono una serie di pericoli per l’incolumità della scolaresca sia nel plesso di via Ugo La Malfa, sia in quello di via Gagini pertanto, l’amministrazione comunale ha ritenuto di dovere intervenire a garanzia della pubblica incolumità, e su disposizione del Dirigente del Settore II è stata decretata la chiusura della scuola a tempo indeterminato. I locali dove sono ospitati gli alunni della scuola “Antonio Gramsci” sono in locazione dalla Congregazione femminile delle Serve dei Poveri di Casa della Fanciulla “Giacomo Cusmano”.

Ieri ieri gli alunni non erano a scuola per la chiusura disposta dal sindaco di tutti gli edifici scolastici a causa dell’allerta meteo, ma lunedì i 623 alunni dell’istituto non sanno dove andare. Non c’è pace sia per loro, per i genitori e i docenti della scuola che vivono una situazione tragica dovuta alla chiusura del proprio istituto da nove anni e costretti in tre plessi diversi con tanti disagi da sopportare.
Quale la soluzione immediata considerato che il terzo plesso “Gramsci – Guttuso” dove è ospitata la scuola infanzia dispone di sole due classi libere? “Non lo so proprio – aggiunge la professoressa Pipitone – sicuramente saremo costretti ai doppi turni, ma questa sarà una decisione che dovrà prendere il Consiglio di circolo che convocherò per la prossima settimana”.
Intanto da Aspra si segnalano pericoli di crolli all’Istituto “Castrenze Civello” di via Cotogni. La denuncia viene fatta dal consigliere della circoscrizione di Aspra Michelangelo Martorana il quale ha presentato una richiesta di convocazione del Consiglio circoscrizionale per discutere della grave situazione di pericolo. “Ho presentato una documentata relazione da dove si evincono tutte le discrasie presenti sia alla scuola Civello, sia all’elementare “Scordato” di via Baldassare Scaduto – dichiara Martorana – la pensilina della scuola media è pericolante e non basta che sia stata transennata, andrebbe puntellata e ci sono pure alcune prese dell’energia elettriche scoperte.”

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.