f Bagheria. Il sindaco e una delegazione torneranno a Roma per il dissesto | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il sindaco e una delegazione torneranno
a Roma per il dissesto

martedì 18 novembre 2014, 16:01   Attualità  

Letture: 1.690

maggiore-cinquedi Martino Grasso

Il sindaco di Bagheria Patrizio Cinque nei prossimi giorni tornerà   Roma, al Ministero dell’Interno. Con lui ci saranno l’assessore al bilancio Maria Laura Maggiore, il segretario Eugenio Alessi e e la dottoressa Vincenza Guttuso.
Saranno chiesti dei chiarimenti su come gestire il dissesto ma anche e soprattutto sulla situazione del personale. Pare che si porteranno anche delle delibere per le quali si chiederanno dei pareri tecnici.
Sul fronte del personale, la situazione più critica è legata ai 32 contrattisti, i cui contratti scadono il 30 novembre.
Per loro è stata garantita la proroga fino al 31 dicembre,m che però tarda a concretizzarsi.
Smentite le voci di una mobilità per i dipendenti di fascia A e B in altri Enti.
Intanto, non si sono ancora insediati i tre commissari nominati per gestire il dissesto di Bagheria.
Si tratta di un commissario della Questura: Giuseppe Catalano, un dirigente della Corte dei Conti: Salvatore Ganci e un commercialista: Raffaele Mazzeo.

Spetterà a loro il compito di ripianare l’indebitamento dei Comune, circa 40 milioni di euro.
Catalano, Ganci e Mazzeo dovranno rilevare la massa passiva,  acquisire i gestire i mezzi finanziari disponibili anche mediante alienazione dei beni patrimoniali e liquidazione e pagamento dei debiti.
La triade commissariale avrà 180 giorni per redigere un piano di rilevazione, quando sarà accertata definitivamente la massa passiva ed i mezzi finanziari disponibili, l’organo liquidatore predisporrà il piano di estinzione delle passività, che deve essere redatto  entro 24 mesi dall’insediamento e lo dovrà depositare al Ministero dell’Interno.
Sarà il Ministero che dovrà approvare il piano entro 3 mesi.
Si potrà successivamente accedere ad un Mutuo presso la cassa depositi e prestiti  con un piano di ammortamento ventennale.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.