f Bagheria. La scuola "Scianna" ha adottato 2 partigiani che salvarono 209 civili   | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. La scuola “Scianna” ha adottato 2 partigiani che salvarono 209 civili  

venerdì 28 novembre 2014, 12:48   Cultura  

Letture: 2.141

ciro scianna mineo e montedoroLa scuola media Ciro Scianna ha adottato 2 partigiani bagheresi che nel 1944 salvarono la vita a 209 civili di Arezzo. Si tratta di Gianni Mineo e Rosario Montedoro.
La cerimonia si è svolta questa mattina nel salone di villa Cutò e non sono mancati i momenti di commozione.
Gli studenti della scuola, sotto la regia della professoressa Clementina Castrone hanno rievocato la storia prendendo i panni dei personaggi stessi.
La preside, Carmela Tripoli, ha sottolineato l’importanza del gesto dei due bagheresi.
“I ragazzi hanno riportato in vita due persone della nostra storia che si sono battuti per la libertà”.
Presente anche Santino Gallorini che ha scritto il volume ”Vite in cambio” che ha ricostruito l’intera vicenda, alla quale prese parte anche Rosario Montedoro, molto noto a Bagheria per essere stato docente di applicazione tecnica alla scuola Ciro Scianna.
“Nella seconda edizione del libro -dice Santino Gallorini- sarà presente anche Montedoro”.

Il libro sarà presentato anche alle 17,30 a villa San Cataldo.

mineo e montedoroLa vicenda è rievocata nel libro di Gallorini e risale al 26 giugno 1944 quando una banda partigiana autonoma di ex prigionieri di guerra slavi, fuggiti l’8 settembre ’43 dal campo di concentramento di Renicci (Anghiari – AR), fermò a raffiche di mitra un’auto della Wehrmacht e prende prigioniero il colonnello Maximilian von Gablenz, assieme al suo aiutante.
Il 27 giugno – il comando tedesco di Arezzo ordinò un imponente rastrellamento, che condusse alla segregazione, nella chiesa della Chiassa Superiore, di centinaia e centinaia di persone, fermate tra Giovi, Ponte alla Chiassa, La Chiassa e Ponte alla Piera. Un ultimatum impose la restituzione del colonnello e del suo aiutante entro il primo pomeriggio del 28 giugno, pena la fucilazione degli ostaggi e l’incendio di tutte le abitazioni della vasta area. Intanto, le donne incinte e con figli piccoli vennero rilasciate. Secondo i documenti tedeschi, rimasero in chiesa 209 prigionieri.
Il 28 giugno – quando tutto stava per precipitare e si rischiò una strage, i partigiani italiani, della XXIII Brigata garibaldina “Pio Borri”, chiesero di rilasciare il colonnello, che era nelle mani di una banda di slavi, che l’aveva rapito.
Chi fermò la  strage fu il bagherese Giovan Battista Mineo, un ex sergente dei Carristi, in forza alla Scuola Allievi Ufficiali di Arezzo, datosi alla macchia l’8 settembre ’43 e diventato un sottotenente partigiano della XXIII Brigata.
Mineo, che si era infiltrato tra i “repubblichini” dell’U.P.I. di Arezzo, aveva un lasciapassare, che lo identificava quale informatore. In questa veste si presenta alla Chiassa, al locale comando tedesco, poco prima che inizino le fucilazioni.
Mentre le esecuzioni vennero sospese, Mineo venne portato al comando di Arezzo e dopo una trattativa, ottenne una dilazione dell’ultimatum di 24 ore. Nella notte, venne accompagnato con un blindato tedesco, sulle montagne sopra la Chiassa ed iniziò un lungo viaggio a piedi, alla ricerca della banda slava.
Il 29 giugno – Giovan Battista Mineo riescì a trovare il partigiano russo, che comandava la banda dei sequestratori del colonnello e del suo aiutante. Dopo lunghe e laboriose trattative, riescì a farsi consegnare i due tedeschi. Assieme a Giuseppe Rosadi, della Chiassa, iniziò la lunga marcia verso il paese, mentre il tempo passava velocemente.
Sia il colonnello von Gablenz che Mineo, si resero conto che in quelle condizioni non ce l’avrebbero fatta ad arrivare prima che inizino le fucilazioni. Il colonnello scrisse su un biglietto un ordine di sospensione e poi lo consegnò a Mineo. Questi, affidati i due tedeschi al Rosadi, partì a cavallo verso la Chiassa, poi dovette correre a piedi, perché il cavallo si azzoppò. È sopra il paese, quando si sentirono distintamente gli ordini imperiosi, che davano inizio alla strage. Iniziò ad urlare, venne sentito dai tedeschi, che fermarono le esecuzioni e andarono incontro a Mineo che, arrivato alla chiesa, consegnò al locale comandante il biglietto di von Gablenz.
Gli ostaggi vennero lasciati in chiesa, nell’attesa del ritorno del colonnello. Poco tempo dopo, un grido: “Il colonnello! Il colonnello!”.
In tanti, tra gli ostaggi di allora, ricordano Giuseppe Rosadi che arrivò con colui che rappresentava la loro salvezza.
Il colonnello ordinò che tutti fossero rilasciati, nonostante forti resistenze di certi suoi subalterni. Ordinò anche che Mineo e Rosadi potessero andarsene liberamente.
Mentre i 209 ostaggi – tra cui lo stesso parroco, don Elia Bindi – uscivano verso la libertà, ci fu chi iniziò a suonare freneticamente le campane della chiesa, a festa!
Lo stesso 29 giugno 1944, mentre a Civitella in Val di Chiana, a Cornia e a San Pancrazio, si spengevano gli incendi e si piangevano gli oltre 200 trucidati, alla Chiassa si festeggiava lo scampato pericolo.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.