f Per la ricorrenza dei defunti, in centinaia al cimitero. Ancora emergenza loculi | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Per la ricorrenza dei defunti, in centinaia al cimitero. Ancora emergenza loculi

sabato 1 novembre 2014, 14:38   Attualità  

Letture: 1.465

cimitero bagheria 1di Martino Grasso

Oggi, per la ricorrenza della commemorazione dei defunti, sono state centinaia i bagheresi che hanno varcato il cancello del cimitero comunale per rendere omaggio ai cari.
Il cimitero di Bagheria, sul fronte dell’igiene, da alcune settimane viene ripulito regolarmente. Sono però ancora molte, circa una quarantina, le bare che attendono nei depositi di essere definitivamente tumulate al cimitero comunale.
Nelle ultime settimane l’emergenza è stata tamponata con la dimora temporanea delle bare nelle cappelle di amici o parenti.
La carenza cronica di loculi dovrebbe essere risolta o tamponata parzialmente con l’assegnazione della fornitura dei 120 loculi prefabbricati, dopo la gara d’appalto celebrate nelle scorse settimane.
Sarà la ditta Comac srl di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta, a fornire i loculi. La ditta ha vinto il ricorso che aveva presentato contro la ditta Tecnos costruzioni srl di Pace del Mele in provincia di Messina che si era aggiudicata la gara.

Il ricorso ha allungato i tempi di consegna dei loculi che sono diventati indispensabili, per risolvere, almeno in parte, l’emergenza.
Alla gara d’appalto erano state invitate altre 8 ditte che non hanno presentate i documenti necessari e sono state escluse. I prefabbricati saranno installati nei prossimi giorni e potranno contribuire a lenire il grave disagio legato alla carenza di loculi.
La somma a base d’asta è di 95.214.59 euro. Il finanziamento è con fondi comunali.
Con questa fornitura la carenza di loculi dovrebbe essere tamponata, almeno per qualche mese. Bagheria si trascina da tempo l’emergenza dei loculi, la cui carenza, ha costretto il Comune, qualche mese fa, a requisire, fino alla fine dell’anno, cappelle gentilizie costruite negli ultimi 10 anni e le cappelle delle confraternite.
L’amministrazione intende anche ridurre gli anni dopo i quali è possibile effettuare le estumulazione, riducendo da 40 a 35 gli anni.
La questa proposta non è stata accolta di buon grado dal consigliere comunale Domenico Di Stefano: “è ingiusto dover procedere all’estumulazione di una salma solo dopo 35 anni ciò significa riaprire una ferita ancora aperta e arrecare un danno psicologico a coloro i quali subirebbero tale limitazione. La tomba non è soltanto l’ultima dimora terrena dei nostri defunti ma bensì un punto di riferimento, un punto di contatto che ognuno di noi ha con i propri cari. La riduzione a 35 anni comporterebbe un ulteriore disagio nei confronti di coloro i quali non hanno ancora elaborato il lutto e che giornalmente fanno visita ai propri defunti unico modo per mantenere il contatto con loro.”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.