f Bagheria. Protesta dei genitori della Wojtyla per infiltrazioni d'acqua piovana | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Protesta dei genitori della Wojtyla per infiltrazioni d’acqua piovana

martedì 25 novembre 2014, 10:20   Attualità  

Letture: 1.427

scuola woytiladi Pino Grasso

In meno di dieci anni da quando è stata consegnata, la scuola “Karol Wojtyla” di contrada Incorvino non è affatto un modello di efficienza.
Nelle giornate di pioggia infatti, l’acqua filtra dai tetti e invade il corridoio, mentre la palestra è inagibile e i bambini non possono svolgere la normale attività fisica. Si teme anche che con l’arrivo del primo freddo stagionale i disagi aumenteranno per la mancanza dei riscaldamenti.
Per gli studenti dell’istituto comprensivo ancora una volta non è stato un inizio di anno particolarmente facile. Nel plesso sono ospitate tre sezioni di scuola materna dell’infanzia, tre sezioni di scuola elementare e sette di scuola media.
I genitori lamentano anche altri problemi ben più gravi come la presenza di siringhe abbandonate in giardino e di sicurezza a causa della mancata vigilanza del traffico da parte dei Vigili urbani sia all’entrata, sia all’uscita dalla scuola.
“Questa strada è percorsa da mezzi pensanti che sfrecciano pericolosamente – dicono i genitori – e senza i controlli dei vigili si rischia la vita”. Una situazione davvero precaria che preoccupa anche il dirigente scolastico.
“Purtroppo i locali della nostra succursale – spiega il Dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo “Ignazio Buttitta” Tiziana Dino – per la loro conformazione e tipologia soffrono sia i primi freddi, sia i primi caldi. Ho fatto una segnalazione all’amministrazione comunale sia per le infiltrazioni, sia per la palestra, ma la risposta è sempre la stessa e cioè che mancano i fondi. Per quanto concerne invece la regolamentazione del traffico mi dicono che il personale non è sufficiente ad assicurare il controllo in tutte le scuole”. Già nel mese di settembre la responsabile del plesso Marina Buttitta aveva segnalato che il manto della palestra si era staccato a causa del caldo e c’erano alcune piastrelle rotte, ma da allora non è intervenuto nessuno.
“Sono a conoscenza della situazione della scuola “Karol Wojtyla” – afferma l’assessore ai Lavori Pubblici Fabio Atanasio – si tratta di sostituire il linoleum staccato dal pavimento della palestra. In settimana effettuerò un sopralluogo per vedere come intervenire in economia con i nostri operai della manutenzione”.
Il problema della chiusura della palestra si è riverberato anche sulle associazioni sportive che usufruivano dei locali nelle ore pomeridiane. “Le associazioni hanno subito un grave danno, come pure i ragazzi del quartiere – aggiunge la dirigente Dino – mi sono recata in Comune più volte ma senza esito ed allora con i fondi della scuola abbiamo acquistato un piccolo tavolo da ping pong per consentire un minimo di attività motoria agli alunni della scuola media che non possono fare teoria tutto l’anno”.
Una soluzione poteva essere rappresentata dall’utilizzazione dello spazio esterno, ma non è possibile in quanto non agibile per le attività sportive. “Nel giardino abbiamo trovate anche alcune siringhe – afferma una mamma – e pertanto non penso sia una soluzione ottimale”. Ai primi di ottobre il Comune ha disposto la pulizia dell’esterno, ma adesso la situazione è tornata la stessa di prima.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.