f Il collaboratore Zarcone parla dell'evoluzione della mafia e dei nuovi codici | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Il collaboratore Zarcone parla dell’evoluzione della mafia e dei nuovi codici

venerdì 7 novembre 2014, 08:59   Cronaca  

Letture: 2.765

zarcone corso umbertoIl nuovo collaboratore di giustizia, il bagherese, Antonino Zarcone, durante il processo Alexander contro la mafia di Porta Nuova, parla di un nuovo codice di Cosa Nostra.
La notizia viene pubblicata nell’edizione di oggi del Giornale di Sicilia.
Gli avvocati gli chiedono se può un mafioso doc essere ai vertici di Cosa nostra e al tempo stesso avere più donne. E soprattutto, può essere un truffatore, uno che come  Antonino Zarcone aveva condanne per assegni a vuoto? Il diretto interessato risponde però tranquillo, agli avvocati che lo «controinterrogano» nel processo: «ormai è consentito, non ci sono più divieti e preclusioni di questo genere. C’è stata un’evoluzione».
Cosa nostra passa avanti, dunque, anche nella valutazione di quei «requisiti morali» che un tempo precludevano perlomeno di occupare i vertici dell’associazione mafiosa: colpa anche della crisi delle vocazioni, spiega Zarcone, perché tra arresti, sequestri e indagini a tappeto, «farsi mafioso» è sempre più difficile. Figuriamoci allora costituire o ricostituire le gerarchie.

Zarcone parla tra l’altro di propri precedenti trascurabili, per assegni a vuoto. Ma in ogni caso gli spazi sono sempre più aperti e ci sono meno pregiudizi. La questione si era posta trent’anni fa — ovviamente fatte le debite proporzioni — per Tommaso Buscetta, la cui fedeltà coniugale non era proprio incrollabile e già allora don Masino aveva dimostrato, deponendo da «protopentito», che la mafia, pur mantenendo le proprie convinzioni, si stava aprendo al nuovo.

Zarcone depone davanti al Gup Roberto Riggio, che, col rito abbreviato, sta valutando le posizioni degli uomini di Palermo centro, primo fra tutti Alessandro D’Ambrogio, considerato il capo di Porta Nuova (e da qui la denominazione Alexander per l’inchiesta dei carabinieri).

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.