f Bagheria. Nuova pianta organica. Il sindaco: "non ci saranno licenziamenti" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Nuova pianta organica. Il sindaco: “non ci saranno licenziamenti”

martedì 25 novembre 2014, 19:39   Attualità  

Letture: 2.130

patrizio cinque11La Giunta comunale ha approvato la ricognizione di eccedenze del personale comunale.
Il Comune, a causa del dissesto, prevede che il numero massimo che dovrebbe avere il Comune è di 408 unità. L’Ente bagherese ha, al momento, 399 dipendenti in pianta organica.
Ciò nonostante la spesa per il personale risulta essere piuttosto elevata rispetto all’ammontare delle spese correnti totali.
Per questo motivo l’amministrazione procederà a riorganizzare la macchina amministrativa e burocratica secondo criteri di efficienza e attraverso una razionalizzazione del funzionamento dei servizi.
Ciò avverrà esternalizzando i servizi a domanda individuale per i quali non è possibile rispettare le coperture minime dei costi come prevede la normativa e nello specifico: gli asili nido affidandoli ad un’Istituzione pubblica ed il museo Guttuso.

Tra le altre iniziative che si intendono mettere in campo la riduzione della spesa del personale con la esternalizzazione dei servizi sociali comunali come parchi giochi Robinson, servizi socio-culturali, servizi di assistenza igienico-personale, trasporto alunni disabili, servizi scuola, istruzione, cultura, turismo, sport, spettacolo, sanità, politiche giovanili da affidare sempre ad una costituenda Istituzione pubblica, ente strumentale del comune.
Non mancano le decisioni relative alla gestione della raccolta e smaltimento dei rifiuti che verrà affidata ad una società nella quale verrà utilizzato personale comunale appartenente alla categoria A e B, dichiarati in eccedenza.
E ancora: verrà ridotta la spesa per il personale a tempo determinato a non oltre il 50 % della spesa media sostenuta ed infine si faranno transitare 15 dipendenti comunali di categoria A, part-time, nella società per azioni per la gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti e 32 di categoria B nell’istituzione pubblica per la gestione del servizio di assistenza igienico-personale e trasporto alunni disabili.
Per quanto concerne il personale in esubero in relazione ai servizi a domanda individuale, sono in esubero per gli asili nido: 8 istruttori socio-educativi di categoria C, 2 operatori tecnico scolastici di categoria A, e 2 operatori di servizi generali e tecnici di categoria A.
In merito al Museo Guttuso sono in esubero: 1 istruttore direttivo contabile di categoria D1, un istruttore amministrativo di categoria C, 5 esecutori amministrativi di categoria B, 4 custodi di categoria A e 9 operatori di servizi generali e tecnici di categoria A.
Per il personale dichiarato in esubero viene, secondo quanto previsto dalle normative vigenti, verrà verificata la possibilità di ricollocarlo nell’ambito della stessa amministrazione.
“Questa è una manovra finanziaria epocale per la macchina comunale con cui taglieremo la spesa corrente relativa al personale di circa 1 milione di euro – dice il sindaco Cinque –  È il primo dei tanti passi che ci porteranno fuori dal dissesto. Ci tengo a precisare che nessun dipendente perderà il posto di lavoro ma ad essi oggi viene data la possibilità di svolgere altri servizi che ci consentiranno di evitare le esternalizzazioni e quindi di risparmiare”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.