f Bagheria. Il Movimento 5 stelle: "solidarietà al presidente Clemente" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il Movimento 5 stelle: “solidarietà al presidente Clemente”

martedì 20 gennaio 2015, 13:27   Politica  

Letture: 1.542

claudia clemente nuovaIl gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle con una nota manifesta la solidarietà al Presidente del Consiglio, Claudia Clemente, e nello stesso tempo, chiede le dimissioni del vicepresidente del consiglio comunale Maurizio Lo Galbo.
La solidarietà scaturisce dalla “reiterata mancanza di rispetto del suo ruolo messa in atto da alcuni consiglieri di opposizione. In particolare, nelle ultime ore il consigliere Lo Galbo  ha diffuso a mezzo facebook la falsa notizia riguardante un’assemblea popolare indetta dalla minoranza, notizia ripresa poi da un blog. Il rispetto delle Istituzioni dovrebbe essere l’ABC per chi si fa vanto della propria esperienza politica di lungo corso: il Movimento viene spesso tacciato di scarso rispetto per i ruoli, ed è il colmo vedere che chi si ammanta della bandiera della formalità (anche a scapito del buon senso) si macchi poi delle colpe di cui accusa gli altri. Predicare bene e razzolare malissimo sembra il motto di alcuni consiglieri, comportamento non più tollerabile in una sede istituzionale.”
La nota continua dicendo che “l’assemblea popolare è uno strumento di comunicazione e partecipazione di cui il nostro gruppo ha sempre fatto uso, ancor prima di entrare nelle stanze del Comune: nelle piazze, tra la gente, da anni siamo cittadini tra i cittadini.
La dimostrazione di quanta poca dimestichezza abbia l’opposizione con questo mezzo democratico, invece, è nell’assoluta incapacità di indire una riunione cittadina nei termini legali e nel rispetto dei ruoli.
L’abitudine ai palazzi ha indotto il Vicepresidente Lo Galbo a pretendere l’uso della sala consiliare al di fuori dei tempi necessari, senza autorizzazione, e senza il nulla osta delle Forze dell’Ordine (necessario in caso di problemi di ordine pubblico, già verificatisi in occasioni del genere).
Il consigliere Lo Galbo riteneva forse che quello richiesto fosse un orario consono per i cittadini, e che questi fossero i modi ed i tempi utili a favorire una partecipazione massiva ad un’assemblea cittadina?
O sperava solamente di raccogliere consensi da chi, in queste ore, vive una situazione lavorativa difficile creata ad hoc dalla vecchia politica, e manifesta in quegli stessi spazi?
E’ per questo motivo che il gruppo consiliare del Movimento 5 stelle chiede le dimissioni del consigliere Lo Galbo da Vicepresidente: perché la mancanza di rispetto dei ruoli, stavolta, si è unita ad un’incapacità istituzionale, formale e politica, raggiungendo il colmo della nostra tolleranza.”

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.