f Bagheria. Randagismo: incarico all'Asva. L'anno scorso ospitati 190 animali | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Randagismo: incarico all’Asva. L’anno scorso ospitati 190 animali

domenica 4 gennaio 2015, 10:38   Attualità  

Letture: 2.209

cani randagidi Pino Grasso

Il primo provvedimento dell’anno riguarda i cani randagi.
Nell’ambito della prevenzione del randagismo, l’amministrazione comunale ha infatti, provveduto all’affidamento del servizio all’Associazione animalista Asva per l’anno 2015.
L’associazione curerà la gestione delle attività di mantenimento, cura e benessere sia dei randagi già ricoverati presso il sito di via comunale Marino I, sia dei cani di proprietà per i quali è stato ordinato il prelievo forzato, sia di quelli vaganti sui quali vanno applicati i protocolli sanitari.
Il Dirigente del Settore II predisporrà la proposta di deliberazione per l’impegno eccedente rispetto allo stanziamento previsto di 45.000 euro in regime di gestione provvisoria e di ulteriori 10.000 euro per coprire l’intero anno per un totale di 55.000 euro.
L’Asva si era fatta carico di provvedere, fino al 31 dicembre scorso, della cura e mantenimento dei cani ospitati nel canile rispettando i protocolli di legge in tema di randagismo.

Tale affidamento avrà esecutività dal 1 gennaio e fino al 31 dicembre e comunque non oltre la data di attivazione del costruendo rifugio comunale per il ricovero dei randagi.
Nell’anno 2014 i cani ospitati nel canile sono aumentati di numero. Sono stati infatti 190 dei quali 140 ospitati nel canile e 50 dislocati come cani di quartiere su tutto il territorio comunale.
Dal 2008 in città è attivo un sito privato, in via Comunale Marino I, nel quale da accertamenti eseguiti, vi soggiornano prevalentemente cani randagi di proprietà del Comune che per vari motivi non possono essere rimessi in libertà perché menomati o perché in attesa di essere affidati in adozione a privati cittadini o ancora perché cuccioli in fase di svezzamento.
Il sito realizzato in via temporanea è gestito dall’Asva che attraverso i propri volontari accudisce giornalmente gli animali ricoverati, garantendo loro una appropriata alimentazione, cura e che tale attività finora e stata svolta con costi contenuti ricollegabili al mero rimborso delle spese di gestione, alimentazione e cure sanitarie.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.