f Sequestrati beni per 50 milioni di euro ad imprenditore palermitano | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Sequestrati beni per 50 milioni di euro ad imprenditore palermitano

lunedì 19 gennaio 2015, 11:22   Cronaca  

Letture: 1.421

dia nuovaConfiscati beni per 50 milioni di euro all’imprenditore palermitano, Paolo Farinella. Ad eseguire il provvedimento la Dia di Caltanissetta, guidata dal Comandante Gianfranco Ardizzone. L’operazione è coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura nissena, diretta da Sergio Lari.

I beni appartengono a Paolo Farinella, 71 anni di Gangi ma residente a Caltanissetta, in contrada Mimiani. Nel mirino è finito un consistente patrimonio immobiliare e imprenditoriale dislocato tra Caltanissetta, Palermo e provincia, Roma, Livorno e Catania. La confisca riguarda 10 imprese, 25 fabbricati, 350 ettari di terreno e conti correnti.

Farinella finì nei guai nel 2009, nell’ambito dell’operazione della Dia denominata “Flour”.

Le indagini sono partite da una serie di operazioni bancarie ritenute dagli inquirenti “sospette” effettuate a Caltanissetta proprio da Paolo Farinella e dalla figlia Rosalba. Entrambi sarebbero risultati titolari di diverse imprese edili aggiudicandosi numerosi e cospicui appalti in tutto il territorio nazionale. Inoltre padre e figlia, erano a capo di parecchie aziende agricole e sarebbero risultati proprietari di numerosi fabbricati e vasti appezzamenti di terreno che si estendono per circa 350 ettari, situati fra le province di Caltanissetta e Palermo. Farinella avrebbe avuto contatti privilegiati con personaggi di spicco di Cosa nostra di Caltanissetta, Palermo e Trapani. All’interno dell’organizzazione mafiosa, avrebbe ricoperto il ruolo di vero ed indiscusso dominus. In particolare Farinella, dopo la morte del cugino Cataldo Farinella – costruttore pienamente inserito in Cosa nostra palermitana, implicato con Angelo Siino nella cosiddetta mafia degli appalti – è subentrato, di fatto, nella gestione delle imprese che furono del parente scomparso, mantenendo rapporti con personaggi di spicco dell’organizzazione mafiosa.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.