f Sport, calcio. Vince il Bagheria in casa, sconfitto in trasferta il Casteldaccia | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Sport, calcio. Vince
il Bagheria in casa, sconfitto
in trasferta il Casteldaccia

lunedì 26 gennaio 2015, 12:09   Sport  

Letture: 1.441

calcio 1

di Salvo Fricano

BAGHERIA-NUOVA CITTA’ DI CACCAMO 3-1

Continua il momento d’oro del Bagheria nel campionato di Prima Categoria. In un Comunale mai così pieno (grazie anche ai colorati e rumorosi ultràs ospiti ndr), i nerazzurri di mister Maggiore superano un buon Caccamo per 3-1 e volano al terzo posto in classifica, parimenti col Castronovo che resta avanti in virtù dello scontro diretto. Nonostante la pioggia caduta sul manto sintetico del Comunale, Bagheria e Caccamo danno vita ad una bella partita, ben giocata da entrambe le squadre a centrocampo e con agonismo leale. I nerazzurri hanno provato fin da subito a fare propria la partita: al 21’ un difensore ospite deve salvare sulla linea una conclusione di bomber Aggiato a Fundarò battuto. Al 25’ Giovanni Spanò ripete la prodezza di Casteldaccia e segna il suo secondo gol consecutivo in campionato, anche in questa occasione sugli sviluppi di calcio d’angolo. Il primo tempo si chiude senza altre occasioni degne di nota. Nella ripresa al minuto 52 Aggiato è bravo e furbo a conquistarsi un calcio di rigore che lui stesso realizzerà. Dopo due minuti Cinà chiude la partita: E’ un fulmine sulla fascia Rosario Scaduto che mette un pallone troppo invitante per il numero nove nerazzurro che con fiuto del gol si fa trovare al posto giusto. Il Caccamo non si da mai per vinto e, dopo la girandola delle sostituzioni, trova la rete del 3-1 con Nuzzo, che da pochi passi fulmina Marziani. L’estremo difensore nerazzurro è ancora una volta decisivo pochi minuti dopo, quando respinge di piede una conclusione ravvicinata di un avanti giallorosso: una parata che vale quanto un gol, la rete in quel momento poteva infatti complicare di molto la partita fin lì perfetta del Bagheria. Grazie a questa vittoria e al pareggio esterno del Castronovo, i nerazzurri raggiungono proprio quest’ultimi al terzo posto, ma i biancazzurri rimangono avanti grazie allo scontro diretto vinto a Bagheria. Nel prossimo turno i nerazzurri faranno visita al Collesano che sembra essere in caduta libera per continuare il sogno playoff.

PRIZZI-CASTELDACCIA 4-2

Ennesima brutta sconfitta per i ragazzi di mister Priolo. Continua il momento nero del Casteldaccia che, dopo aver perso il derby in casa, vengono sconfitti dal Prizzi per 4 reti a 2. Partono subito male i granata che dopo 15 minuti si trovano già sotto di tre reti con evidenti complicità da parte del reparto difensivo. Dopo essere passati in svantaggio di quattro reti, il Casteldaccia con orgoglio trova la forza di buttarsi in avanti e la ripresa è una partita a senso unico. Non bastano ai ragazzi di Priolo le reti messe a segno da Ippedico e dal giovanissimo Arnaud Bile, autore di una splendida rete con un siluro imparabile. La fortuna non gira nemmeno bene per la squadra del presidente Benforte: sul risultato di 4-2 infatti, il direttore di gara annulla una rete a Mossa per presunta posizione di fuorigioco che poteva aprire prospettive di pareggio per i granata. Con questa sconfitta il Casteldaccia rimane a 19 punti in classifica, con il rischio playout. La graduatoria del campionato di Prima Categoria è corta, con una serie di risultati positivi, la stagione dei granata potrebbe ancora dare delle soddisfazioni, ma quello che sembra mancare al momento, è la coesione e la grinta che ha da sempre contraddistinto la squadra e il suo presidente. Quello che c’è da fare, è serrare le fila e cercare di andare tutti nella stessa direzione per superare il momento più brutto degli ultimi anni di presidenza Benforte. Nel prossimo turno, il Casteldaccia ospiterà l’Oratorio San Ciro al Fiorilli.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.