f Bagheria. Consiglio comunale con insulti. Salta fuori anche un ciuccio | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Consiglio comunale con insulti. Salta fuori anche un ciuccio

mercoledì 4 febbraio 2015, 22:07   Attualità  

Letture: 2.958

consiglio comunale nuovodi Martino Grasso

Ancora una seduta del consiglio comunale di Bagheria all’insegna delle accuse reciproche, fra maggioranza e minoranza,  con continue sospensioni e toni alti dall’una e dall’altra parte. Durante una pausa dei lavori d’aula è anche spuntato un ciuccio di caramella che il consigliere comunale Angelo Barone ha “allungato” al sindaco Patrizio Cinque sul banco. La seduta è stata lunga e alla fine poco produttiva.
Si è parlato della variante del cimitero comunale (approvata),  di un ordine del giorno di Marco Maggiore sull’”introduzione della procedura per la tutela dei dipendenti che denunciano illeciti, nota come whistleblowinge” e di un debito fuori bilancio di 380 mila euro per il gasolio utilizzato dai mezzi della raccolta dei rifiuti solidi urbani per raggiungere le discariche siciliane.
Nel mezzo, si sono verificate tantissime interruzioni, con insulti e offese e come detto è saltato fuori anche un ciuccio di caramella.
“Certi atteggiamenti si devono evitare -ha tenuto a sottolineare Angelo Barone– il ciuccio ce lo avevo casualmente in tasca, lo volevo regalare ad un mio piccolo parente.
Credo che si debba puntare ad un maggiore dialogo da entrambe le parti. Sia io che il sindaco Cinque ci siamo lasciati prendere dalla “verve giovanile”. Penso che comunque non si può avere un atteggiamento intollerante come spesso arriva dal sindaco”.
Durante la seduta è stato anche invitato il consigliere comunale Maurizio Lo Galbo di Forza Italia, a lasciare l’aula “certi atteggiamenti sono intollerabili –sottolinea Lo Galbo-  sono stato invitato ad uscire solo perchè dissentivo con il sindaco. Nel frattempo ricevevo frasi poco carine”.
Sulla litigiosità che sta caratterizzando le ultime sedute del consiglio comunale, il capogruppo del movimento 5 stelle Marco Maggiore sottolinea: “il clima che si respirava oggi in aula non giova né alla città né alle parti politiche. Il consiglio era partito all’insegna del dialogo e della collaborazione. Lo dimostra l’approvazione all’unanimità di un ordine del giorno sull’ampliamento del cimitero. Purtroppo durante la discussione sulla mozione del M5s sulla whistleblowing si sono verificati diversi episodi che hanno turbato i lavori d’aula. Schiamazzi, urla e azioni non degne di un’istituzione pubblica, hanno ostacolato il lavoro della presidenza, costretta a interrompere la seduta diverse volte.
Durante una di queste pause forzose, dopo che Patrizio Cinque non aveva avuto modo di terminare il proprio intervento sulla mozione, un consigliere d’opposizione ha scagliato un ciuccio contro la persona del sindaco. Gesto inqualificabile, che ci lascia profondamente delusi.
Il rispetto che si esige, dovrebbe essere dimostrato in ogni istante, a telecamere accese o spente. Ci auguriamo che chiunque possa  riflettere e meditare sulle responsabilità che la Città ci ha affidato”.

foto d’archivio

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.