f Bagheria. Furto di 50 litri di gasolio e un mezzo fuori uso. I motivi dell'emergenza rifiuti | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Furto di 50 litri di gasolio e un mezzo fuori uso. I motivi dell’emergenza rifiuti

lunedì 9 febbraio 2015, 16:40   Attualità  

Letture: 1.944

Rifiuti-2di Martino Grasso

Il furto di circa 50 litri di carburante da alcuni autocompattatori e un mezzo fuori uso. Sarebbero questi i motivi alla base dell’ennesima emergenza rifiuti a Bagheria.
Da alcuni giorni il servizio di raccolta e smaltimento della spazzatura ha subito notevoli rallentamenti sia per il furto del carburante che è stato denunciato alle autorità competenti che per un mezzo per la raccolta che non è disponibile.
A ciò si aggiunge che nella giornata di ieri, domenica, il servizio di raccolta è stato a discrezione degli operatori.
Le precisazioni arrivano direttamente dal Comune.
Fatto sta che in alcune zone della città e in periferia si sono accumulati enormi quantità di spazzatura, come in via Libertà, via Federico II e in via Papa Giovanni.
Sempre dal Comune fanno sapere che le difficoltà sono anche legate allo smaltimento dei rifiuti che da alcune settimane avviene in due discariche: a Bellolampo e a Catania, mentre un giorno la settimana il servizio si interrompe.
Nei prossimi giorni dovrebbero essere pronte le prime postazioni per la raccolta differenziata.
I dettagli sono stati spiegati nel corso della recente assemblea pubblica alla quale erano presenti sia il sindaco Patrizio Cinque che l’assessore all’igiene urbana Fabio Atanasio.
Il sindaco in quell’occasione aveva detto che “si sta cercando di tamponare  la situazione. Non è facile per carenza di discariche. Attualmente conferiamo, a Bellolampo e nell’impianto di Catania, ma rischiamo di ritrovarci sommersi dalla spazzatura, perché la discarica di Catania potrebbe chiudere da un momento all’altro. Per questo motivo dobbiamo puntare alla raccolta differenziata”.
Saranno quindi avviate 20 postazioni che saranno recintate e videosorvegliate, dove si conferiranno  la carta, il cartone, il vetro, la plastica e l’indifferenziato. In un primo momento non si differenzierà l’umido perché costa troppo smaltirlo.
Il servizio sarà “in house”, senza cioè rivolgersi a privati. Si punta inoltre ad eliminare i noli a caldo e a freddo, acquistando nuovi mezzi da gestire autonomamente.
Le postazioni che saranno attivate nei prossimi giorni sono  aree comunali, di circa 500 metri quadrati, dove è prevista anche la presenza di un operatore per controllate il deposito dei rifiuti.
Alcune aree si trovano ad Aspra, nei pressi dello Stadio comunale, in via Borsellino, a Piazza Indipendenza, nell’autoparco, in piazza Doglio e nei pressi del supermercato Simply.
Il Comune pensa di tenerle aperte ogni giorno dalle 6 alle 19. Si è pensato anche di predisporre l’acquisto di nuovi autocompattatori e vasche, evitando così di noleggiarli.
Prevista anche una campagna di informazione, mentre la spesa complessiva per il Comune per l’acquisto delle attrezzature, non dovrebbe superare le 10 mila euro.
Il Comune prevede anche la pesatura della spazzatura differenziata con degli sconti ai cittadini tramite una card, mentre non si potrà smaltire solo rifiuti indifferenziati.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.