f Bagheria. Il consiglio comunale contro i tagli del Governo Nazionale ai Comuni | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il consiglio comunale contro i tagli del Governo Nazionale ai Comuni

giovedì 12 febbraio 2015, 10:36   Attualità  

Letture: 1.036

cons. com. 5 settembreIl consiglio comunale di Bagheria, nell’ultima seduta, ha approvato l‘adesione alla mobilitazione indetta dall’AnciSicilia per protestare contro la gravissima situazione economica e finanziaria dei Comuni siciliani.
Con 17 voti favorevoli, 2 astenuti ed un voto contrario la delibera votata  che ha visto anche la presentazione di due emendamenti, mira a porre l’attenzione sul fatto che i Comuni siciliani stiamo attraversando una fase di difficoltà di natura economica e finanziaria senza precedenti. Nell’atto infatti si legge: “il numero di Enti (anche di consistente dimensione demografica) che stanno dichiarando il dissesto finanziario sta crescendo in maniera esponenziale, trasformando in ordinario un fenomeno che la normativa immaginava come eccezionale”.
E la situazione non sembra migliorare, spiega l’Anci Sicilia che evidenziava il “preoccupante peggioramento della finanza locale, imputabile principalmente alla progressiva e consistente riduzione dei trasferimenti di provenienza statale e regionale. da ultimo, la Corte dei Conti con la Delibera 29/2014 ha affermato con chiarezza che alle Autonomie locali è stato chiesto “uno sforzo di risanamento non proporzionato all’entità delle risorse gestibili dalle stesse a vantaggio degli altri comparti amministrativi”.
La situazione in cui versano i Comuni, che si aggiunge ad una grave crisi che vive il Mezzogiorno, ha costretto molti enti locali ad un eccessivo aumento delle aliquote dei tributi locali e del complessivo livello di pressione fiscale (IMU, TARI e TASI) rendendo sempre più difficile il rapporto tra Amministrazioni e cittadini e innescando forti tensioni sociali.
A tutto questo si sommano i ritardi nell’erogazione dei trasferimenti della Regione agli Enti, costringendo i Comuni a continui ricorsi alle anticipazioni di tesoreria, senza contare il mancato rispetto del Patto di stabilità e i ritardi nei pagamenti ai creditori delle PA che producono ulteriori sanzioni per gli enti.
I comuni che aderiscono alla delibera approvata ieri dal Consiglio comunale di Bagheria fanno proprie le denunce dell’Anci relative ad una politica di tagli eccessivi nei confronti degli Enti Locali che trovano conferma nelle posizioni espresse dalla Corte dei Conti e condividono la proposta dell’AnciSicilia di proseguire con azioni simboliche di protesta tendenti a favorire una corretta comunicazione con i cittadini e, allo stesso tempo, di chiedere al Governo nazionale e regionale una inversione di tendenza nelle politiche rivolte agli Enti Locali.
Con l’approvazione della delibera il Consiglio comunale aderisce anche alla richiesta di costituzione di un Tavolo permanente di concertazione tra Stato, Regione Siciliana e Comuni dell’Isola per affrontare la grave crisi Finanziaria.
Tra le richieste che vengono rivolte al Governo vi è la modifica della norma che ha rivisto il regime di esenzioni dall’IMU terreni agricoli, con particolare riferimento all’imposta relativa al 2014; il contenimento dei tagli a valere sul Fondo di Solidarietà nazionale; la richiesta di rendere più flessibili le regole relative al Patto di stabilità; la previsione di misure che possano far fronte al crescente fenomeno di Comuni che dichiarano il dissesto finanziario ed infine la revisione della norma che ha previsto il definanziamento dei Fondi PAC.
Al Governo regionale invece i Comuni chiedono di erogare tempestivamente agli Enti locali le risorse relative al 2014 e di mantenere inalterato il livello dei trasferimenti per il 2015; di avviare, di concerto con l’AnciSicilia, una riorganizzazione del Governo del territorio che consenta di dar vita ai Liberi Consorzi di Comuni ed alle tre Città metropolitane, di iniziare una concertazione per trovare una definitiva soluzione alle problematiche che riguardano il sistema integrato dei rifiuti e delle acque.

(fonte ufficio stampa Comune Bagheria)

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.