f Bagheria. Alcuni genitori del Cirincione: "chiediamo chiarezza sulla scuola" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Alcuni genitori del Cirincione: “chiediamo chiarezza sulla scuola”

mercoledì 18 marzo 2015, 13:13   Attualità  

Letture: 1.744

scuola-cirincione

Una settantina di genitori dei bambini che frequentano la scuola Cirincione, hanno inviato una lettera aperta al sindaco di Bagheria, al dirigente del II Circolo didattico e per conoscenza anche al Prefetto di Palermo.
Nella nota si pongono alcuni quesiti, come per esempio se siano stati chiesti i pareri tecnici, dove andranno i bambini per i doppi turni e quando la scuola potrà tornare agibile.

Ecco il testo integrale della lettera:
“Noi genitori degli alunni della scuola Cirincione, pur essendo scossi e gravemente preoccupati per quanto accaduto lo scorso 3 marzo ai nostri figli ed alla nostra scuola, fino ad oggi non siamo pubblicamente intervenuti, fiduciosi nel lavoro delle istituzioni, evitando discussioni e polemiche che avrebbero potuto interferire con il loro lavoro e con  la risoluzione del problema, la cui delicatezza di certo non ci sfugge.
A distanza di 15 giorni dall’evento e dalla completa sospensione delle lezioni, non abbiamo però alcuna certezza su se, quando e dove i nostri bambini potranno ricominciare a studiare.
Siamo i primi, in quanto madri e padri dei piccoli studenti, ad avere a cuore la loro incolumità. Il ritardo con cui si sta ponendo rimedio a quanto accaduto però non ci sottrae ad alcuni interrogativi cui gradiremmo puntuali risposte.
Vorremmo intanto capire perché sono stati immediatamente disposti lavori su tutta la scuola (che in verità non ci risulta siano neppure iniziati) con la conseguente chiusura della stessa non sappiamo per quanto tempo ed in base a quale cronoprogramma.
Chi e sulla base di quali accertamenti ha stabilito che entrambi i piani sono inagibili, tenuto conto che i Vigili del Fuoco, hanno disposto la chiusura solo dell’aula interessata dal crollo, e, in via precauzionale, delle due aule adiacenti e dei bagni e di un androne di ingresso?
Non sarebbe stato meglio procedere ad un accurato controllo fisico di tutti i soffitti della scuola, con rimozione dei pericoli ed eventuale chiusura delle parti di edificio non sicure,  riservando la programmazione e la progettazione delle opere di ripristino dei soffitti per la prossima estate?
Qual è il parere dell’Ufficio tecnico comunale?
A parte la generosità di qualche genitore, che, in qualità di tecnico esperto, spontaneamente e senza alcun formale incarico da parte dell’Amministrazione ha ispezionato i luoghi ed al quale va il nostro ringraziamento, chi ha giuridicamente l’incarico di certificare l’agibilità o non agibilità della scuola Cirincione? ed entro quali tempi?
Perché i controlli sulla scuola Bagnera sono stati disposti dopo dieci giorni dalla decisione di ospitare nel pomeriggio anche gli alunni del Cirincione?
Se la scuola Bagnera dovesse risultare anch’essa inidonea, dove andranno a studiare i nostri bambini? E soprattutto quando?
Non vogliamo certo sostituirci agli organi a ciò preposti e suggerire delle soluzioni, ma ci chiediamo se sono state effettivamente prese in considerazione tutte le possibilità per consentire un rapido riavvio delle lezioni, utilizzando tutte le aule disponibili in tutti i plessi scolastici, ivi comprese le scuole medie.
La sospensione delle lezioni è una interruzione di un pubblico servizio ed ove sia stata disposta senza effettive ragioni e senza approntare adeguati e tempestivi rimedi è un atto di responsabilità, non solo giuridica, ma soprattutto morale nei confronti dei nostri figli, privati di un diritto fondamentale, quello allo studio.
Consapevoli della difficoltà del momento che sia l’Amministrazione che la Direzione del II circolo didattico stanno attraversando, chiediamo pertanto al Sindaco ed al Dirigente Scolastico, nell’esclusivo interesse dei nostri figli, di dare immediata risposta agli interrogativi qui posti e soprattutto – considerato il notevole tempo ormai trascorso – immediata soluzione al problema.”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.