f Casteldaccia. Cambio di rotta per evitare il dissesto. Tagliati auto blu e telefonini | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Casteldaccia. Cambio
di rotta per evitare il dissesto. Tagliati auto blu e telefonini

martedì 17 marzo 2015, 09:05   Attualità  

Letture: 1.756

spataforadi Martino Grasso

Il comune di Casteldaccia corre ai ripari per evitare il dissesto finanziario. L’amministrazione comunale ha deciso di avviare alcuni tagli alle spese, in maniera drastica, per evitare la dichiarazione di fallimento.
Il sindaco Fabio Spatafora ha innanzitutto deciso di rinunciare all’auto blu che costava circa 50 mila euro, sono stati abolite le spese per telefonini agli amministratori e agli impiegati, con un risparmio di circa 17 mila euro. Non sono state nemmeno aumentate le indennità che la legge consente per i comuni che raggiungono i 10 mila abitanti.
L’amministrazione ha anche deciso di effettuare degli aumenti sulle tasse che inevitabilmente peseranno sui cittadini, come l’aumento al massimo della tassa sulle addizionali comunali che arriva all’0,8 per cento, ma anche la Tasi e l’Imu subiranno degli aumenti, raggiungendo il massimo consentito.
“Stiamo facendo il possibile e l’impossibile -dice il sindaco Fabio Spatafora- sia io che i componenti della giunta usiamo i telefonini privati e per spostarci usiamo le nostre macchine. Speriamo che tutto questo serva”.
Sul Comune pesano debiti per svariati milioni, ancora non quantificabili, parecchi dei quali relativamente al Coinres, il consorzio per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani che ha tartassato tutti i comuni che ne fanno parte.
Ci sono anche alcune controversie legali per svariate centinaia di migliaia di euro.
Il Comune paga inoltre due mutui accesi dalle passate amministrazioni per 7 milioni di euro per azzerare i debiti pregressi. Per questi mutui l’attuale amministrazione e quelle successive, pagheranno circa 480 mila euro all’anno, per 30 anni.
L’amministrazione comunale ha anche deciso di effettuare dei tagli sostanziosi alla politica degli affitti: entro il mese di Pasqua  gli uffici si sposteranno nei locali della Torre di Salaparuta, nei mesi scorsi ristrutturata. In questo modo si risparmieranno 90 mila euro annui.
Inoltre sono stati ridotte le aree comunali che passano da 5 a 4 ed è stata anche soppressa la figura del segretario generale.
“Abbiamo inoltre deciso di erogare gli abbonamenti dell’Ast –conclude il sindaco Spatafora – solo agli studenti che ne fanno richiesta. Prima invece venivano dati a tutti indistintamente, anche a chi non li usavano, con un risparmio di circa 70 mila euro l’anno”.
Qualche giorno fa il consiglio comunale ha approvato il bilancio consuntivo del 2013 con i voti degli 8 consiglieri comunali della lista “Per Casteldaccia” che sostengono il sindaco. Il bilancio di previsione del 2014, invece, è stato approvato dalla giunta e nelle prossime settimane dovrebbe approdare in consiglio comunale.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.