f Oggi l'eclissi. Si potrà vedere anche a Bagheria. Il sole coperto per il 52% | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Oggi l’eclissi. Si potrà
vedere anche a Bagheria.
Il sole coperto per il 52%

giovedì 19 marzo 2015, 22:27   Attualità  

Letture: 1.392

eclissi-di-soleA Palermo e a Bagheria l’eclissi avrà inizio alle 8,20, raggiungerà la sua “fase massima” alle 9,26 (con un 52% d’oscuramento) e terminerà alle 10,36“. L’eclissi sarà totale però solo alle latitudini più settentrionali, in particolare alle isole Svalbard e Faroer, mentre sarà parzialmente visibile in tutta Europa, Italia compresa, dalla mattinata, con una buona copertura del disco solare da parte della Luna. In queste foto le mappe con la copertura prevista nelle varie regioni d’Italia e città per città.

Gli esperti raccomandano cautela per la salute degli occhi: “Se mettiamo a fuoco il sole sull’occhio non facciamo altro che danneggiare severamente la retina” avverte Paolo Vinciguerra, direttore del Centro Oculistico dell’Istituto Humanitas.
“Quando si osserva una luce molto forte – spiega l’esperto – la cornea e il cristallino mettono a fuoco la luce sulla retina. L’occhio è fatto apposta per concentrare la luce. L’effetto è triplice: aumenta moltissimo l’intensità luminosa, la luce focalizzata riscalda la retina e, infine, se si supera una certa soglia di intensità e di energia, il tessuto viene bruciato”. Le conseguenze possono essere limitazioni alla vista, alla capacità di leggere o di riconoscere distintamente ciò si guarda, ma anche un’immagine’ impressa (come un alone) che rimane per tutta la vita. Usare telescopi e binocoli, se non si sa cosa si sta facendo, va assolutamente evitato: “Con il telescopio si mette a fuoco ancora meglio e sull’occhio di energia ne arriva ancora di più: la retina può danneggiarsi più facilmente”.
La soluzione migliore è dunque usare delle lenti protettive scure adeguate (per i binocoli e i telescopi esistono appositi filtri) oppure gli occhiali da saldatore, con indice di protezione 14. Da evitare, invece, i rimedi fai-da-te, che “non sono in grado di filtrare la componente più pericolosa dei raggi luminosi. Per la prima volta in 200 anni la primavera è salutata dal ‘Sole nero’. Il giorno dell’equinozio, domani 20 marzo, coincide infatti con la prima eclissi del 2015. Considerando un periodo di due secoli, ”dal 1900 al 2100, è la prima volta che equinozio di primavera ed eclissi di Sole si verificano lo stesso giorno” spiega il fisico solare Mauro Messerotti, dell’Osservatorio Astronomico di Trieste dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). (gds.it)

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.