f Bagheria. Giovani disabili dell'Ites al centro smistamento delle poste | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Giovani disabili dell’Ites al centro smistamento delle poste

martedì 21 aprile 2015, 15:13   Cultura  

Letture: 1.671

ites posteI ragazzi e le ragazze del dipartimento di sostegno dell’Ites “Don Luigi Sturzo” di Bagheria, hanno visitato oggi il centro di smistamento corrispondenza e gli uffici delle Poste Italiane di Bagheria.
L’iniziativa si inquadra nell’ambito del Progetto “Cittadini … senza barriere” giunto alla sua 4° edizione, volto a promuovere la conoscenza dei luoghi e degli Enti più rappresentativi e importanti del territorio, da parte di un gruppo di Studenti Diversamente Abili dell’Ites.
Ad accogliere e guidare i ragazzi, oltre ai dipendenti e al direttore del centro distribuzione Paolo Provino, erano presenti Vincenzo Accardi, direttore dei servizi postali Sicilia, Alberto Donato, responsabile servizio qualità servizi postali Sicilia, coadiuvato da Caterina Russo  e Maria Grazia Lala  responsabile comunicazione Territoriale Sicilia.
“L’opportunità di poter usufruire di assetti formativi non relegati all’interno delle aule dell’Istituto – dice il coordinatore Nicasio Sampognaro –  consente di sperimentare nuovi modi di “fare” didattica a favore dei nostri studenti, in ambienti esterni e in sintonia con il lavoro dei docenti-tutor. In questo modo ci si propone di ampliare il ventaglio di attività formative e sociali-ricreative a disposizione del Dipartimento di Sostegno della nostra scuola.”
Il Progetto Educativo-Didattico “Cittadini …senza Barriere”, prende lo spunto dal bisogno di avvicinare gli alunni in situazione di handicap ai vari Enti ed istituzioni, sia pubbliche che private, presenti nella realtà territoriale e vede l’esigenza, parallelamente, allo sviluppo della loro autonomia personale, di contribuire a formare in  loro, dei futuri cittadini più attivi e consapevoli.  Esso prevede, parallelamente ai singoli percorsi didattico-teorici svolti in Aula, la possibilità di apprendere temi e aspetti del fare cittadinanza oggi, direttamente sul campo.
I giovani hanno l’opportunità di usufruire di assetti formativi non relegati all’interno delle aule dell’Istituto, consentendo di sperimentare nuovi modi di “fare” didattica in ambienti esterni e in sintonia con il lavoro dei docenti di sostegno partecipanti, in qualità di tutor, alle azioni previste.
Tra le finalità proposte  quelle riferite a implementare il novero di opportunità, offerte agli alunni diversamente-abili, rispetto a quelle previste nei rispettivi Piani Educativi Individuali, legate a un accrescimento di alcune conoscenze sul territorio di appartenenza e di competenze civiche molto utili per il loro futuro progetto di vita.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.